Author Topic: Studio del Capitano  (Read 1014 times)

(RIP) Marzio Carlo Malaspina

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 12
  • Honour: 0
Studio del Capitano
« on: 09 August, 2013, 01:35:00 AM »
Aprì la porta.

Un odore di marcio e aria stantia arrivò dalla stanza fino alle narici di Marzio.

La stessa mattina era stato nominato Capitano delle Guardie, che ancora non vi erano data la scarsa popolazione, ma in cuor suo sapeva che le cose sarebbero cambiate, Firenze stava iniziando un periodo di rinascita.

Alzò una sedia lasciata di traverso per terra, sembrava che chi vi fosse prima fosse scappato come un ladro.

Ci voleva troppo tempo per rimettere in ordine, decise di tornare nella locanda e chiamare Remo lo scudiero, quando un luccichio proveniente dal fondo della sala lo attirò...

[Continua]


(RIP) Marzio Carlo Malaspina

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 12
  • Honour: 0
Re: Studio del Capitano
« Reply #1 on: 12 August, 2013, 11:18:37 PM »
Una corazza possente era distesa a terra.
Sicuramente protagonista di numerose battaglie passate adesso si arrugginiva in fondo alla stanza.
Era polverosa e ammaccata ma l'enorme giglio, simbolo di Firenze, gli "diceva" che non poteva rimanere li a marcire.
Decise di sistemarla lui stesso, visto che era un buon fabbro.

Presa la corazza sotto, nascosta a prima vista, vi era una spada. Magnifica.

Arma massiccia con elsa di pelle di camoscio ed alla fine il simbolo del giglio in rubino.
Non vi erano segni di decadenza sulla lama, sembrava che il tempo non l'avesse intaccata.
Era una spada "speciale" e da adesso era la sua spada.


(RIP) Marzio Carlo Malaspina

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 12
  • Honour: 0
Re: Studio del Capitano
« Reply #2 on: 06 September, 2013, 02:18:28 AM »
Rientrò tardi quella sera.
Era passato da Livorno per controllare la situazione.
Alcuni trasgressori continuavano a "rubare" risorse al Regno ed era compito suo vigilare sull'accaduto.
Sperava in cuor suo che presto, con la nomina di un magistrato, la situazione sarebbe migliorata, in modo che mai più nessuno avrebbe approfittato del Giglio.

Nel frattempo continuò col suo lavoro che stavolta lo metteva di fronte ad un'enorme pila di carte da firmare e controllare.

Non solo di spada e giostre era la sua vita. Bisognava saper leggere e scrivere per poter diventare qualcuno al giorno d'oggi.
« Last Edit: 26 October, 2013, 07:44:22 PM by Marzio Carlo Malaspina »


(RIP) Marzio Carlo Malaspina

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 12
  • Honour: 0
Re: Studio del Capitano
« Reply #3 on: 26 October, 2013, 07:54:16 PM »
Il lavoro in fucina era quasi completato.
Gli impegni di Marzio erano sempre molto assidui. Scavare, lavorare, allenarsi, controllare gli stranieri in transito nel Regno, applicare la legge.

Le scartoffie sul tavolo si erano via via esaurite ed adesso aveva più tempo per sé.

Teneva di più al suo aspetto, la barba c'era ancora sia chiaro, ma quando si fermava il suo pensiero vagava sui piaceri della vita e non solo al lavoro.
Bisogna condividerla con qualcuna questa vita, distrarsi dai problemi.
Si stava rammollendo? O forse stava pensando come un uomo e non più come un ragazzo?

La nomina a Barone era il pretesto per fare qualcosa.
Avrebbe visitato il feudo e costruito un gran castello.
Avrebbe dato feste e ricevimenti.
E forse non sarebbe più stato solo.