Author Topic: Regno di Napoli vs Roberto della Torre  (Read 1109 times)

(RIP) Tiziana Bardi

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 3
  • Honour: 0
Regno di Napoli vs Roberto della Torre
« on: 05 July, 2013, 03:53:23 PM »
Dopo esser stata informata dal Capitano, Tiziana scrisse il capo di imputazione

Quote
Addi 4 Luglio 1313 ,

Noi, Tiziana Bardi in qualità di Magistrato di Napoli, in nome del Sovrano, delle leggi e di tutto il Regno, siamo qui per giudicare Roberto Della Torre, cittadino di Urbino, accusato di aver violato il "Decreto chiusura di Cosenza per una settimana
Dal 4 luglio 1313 fino al 12 luglio 1313". L' accusa è rappresentata dal Capitano della Guardia Raffaele Caracciolo. L'imputato ha l'obbligo di permanenza a Napoli per la durata del processo, e qualora deserti l'aula e/o sfugga alla cattura, sarà immediatamente dichiarato colpevole e subirà una pena triplicata per tre, oltre all'arresto di giorni 2. L'imputato ha il diritto di nominare un difensore oppure deve provvedere a difendersi da solo.


Tiziana Bardi
Magistrato di Napoli


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
After having been informed at the Captain, Tiziana wrote the charge

Quote
Today July 4, 1313,

We, Tiziana Bardi as Magistrate of Naples, in the name of the Sovereign, the laws and of the whole kingdom, we are here to judge Roberto Della Torre, accused of violating the law: "Decreto chiusura di Cosenza per una settimana Dal 4 luglio 1313 fino al 12 luglio 1313". The charge is represented by the Captain Raffaele Caracciolo. The accused must stay at Naples for the entire duration of the charge, and if he doesn't present himself and/or reacts to the arrest, he will eb immediately declared guilty and will receive a 3x penalty, in addiction to days 2 in jail. The accused has the right to appoint a defender or must be taken to defend himself.


Tiziana Bardi
Magistrate of Naples

(RIP) Raffaele Caracciolo

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 23
  • Honour: 0
  • "Brigante se more"
Re: Regno di Napoli vs Roberto della Torre
« Reply #1 on: 05 July, 2013, 05:13:09 PM »
Vostra Grazia, prendo parola, col vostro permesso. In data 4 Luglio 1313, ho sorpreso un cittadino del Regno di Urbino, tale Roberto Della Torre, nell'atto di sostare, senza previo accordo con le nostre cariche, presso le terre di Cosenza, di proprietà del Regno di Napoli, chiuse per Decreto Regio legalmente esposto (gdr /off nella pagina delle leggi del Regno, e sul forum, sia in italiano che in inglese) giorni addietro:

http://www.medieval-europe.eu/index.php/region/info_laws/7

http://rpforum.medieval-europe.eu/index.php/topic,8681.msg55739.html#new


Ancora oggi, mentre vi parlo, lo stesso cittadino sosta nella regione di Cosenza. Le prove di quanto affermo consistono in questi rilievi indicanti l'infrazione con il giorno, l'ora e il nome dell'imputato:

http://i39.tinypic.com/2pzmtdk.jpg

http://i43.tinypic.com/b6c1me.png


Ciò detto, in virtù delle prove acquisite, a nome del Popolo Napoletano e della Corona e secondo le leggi in vigore, chiedo l'applicazione di una multa di 100 denari d'argento per il trasgressore, da versare immediatamente alla Caserma situata a Napoli, inoltre chiedo l' espulsione coatta dal regno dello stesso una volta incassata la somma. Qualunque cittadino o carica del regno di Urbino potrà versare i denari in sua vece, qualora non fosse attualmente in possesso di quanto dovuto. Concludo sperando nel buon senso delle cariche urbinati, e in una veloce risoluzione del processo nell'interesse di entrambe le parti.
« Last Edit: 05 July, 2013, 09:27:42 PM by Raffaele Caracciolo »



(RIP) Raffaele Caracciolo

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 23
  • Honour: 0
  • "Brigante se more"
Re: Regno di Napoli vs Roberto della Torre
« Reply #2 on: 07 July, 2013, 04:41:37 PM »
"Considerato il fatto che il vassallo urbinate sembra aver versato quanto da me chiesto al Magistrato Bardi, e, incaricato dal Magistrato stesso recentemente occupato da ulteriori impegni, direi che possiamo concludere qui il processo. Buon proseguimento a tutti i presenti."

Così pronunciatosi, Il Capitano si congedò facendo un mezzo inchino rivolto a tutti i presenti in aula, per poi tornare ad occuparsi delle sue quotidiane mansioni, rallegrandosi non poco del fatto che la Legge era tornata a esser rispettata, in un Regno che nemmeno un mese fa gli sembrava allo sbaraglio più completo.
« Last Edit: 07 July, 2013, 04:43:32 PM by Raffaele Caracciolo »