Author Topic: Codex Criminalis Aragonensis [Eng - Ita - Esp]  (Read 1058 times)

(RIP) Fabio Massimo

  • General group
  • Full Member
  • *
  • Posts: 217
  • Honour: 0
  • Desperta Ferro!
Codex Criminalis Aragonensis [Eng - Ita - Esp]
« on: 05 January, 2013, 04:51:39 AM »
CODEX CRIMINALIS ARAGONENSIS



IURA FUNDAMENTALIA

[Obligatory nature of the criminal law] - No one may be punished for an act that is not expressly foreseen by the law as a crime, nor with punishment or rules which are not established by the law.

[Territorial Setting] - The criminal law of the Kingdom applies to all subjects of the Kingdom, whether on its territory or abroad, and all foreigners in the Kingdom for all the crimes they have committed in its territories. Exceptions may be made only on the basis of international rules.

[Principle of absorption] - If a single case could represent multiple offenses, the most serious offense will absorbs the less severe.

[Attempt] – Everybody who performs acts suitable directly and unequivocally to commit an offense, will be punished for offense attempted, if the action is not completed or the event does not occur independently of his will. If the offender voluntarily desists from the commission of the offense or prevents the occurrence is only liable for the acts he already committed.

[Contest or abetting the crime] - Anyone who cooperates with the author of one of the following offenses, facilitate the execution, trying to conceal the existence or facilitate his escape will be punished with the same penalty established for the author, it’s a full discretion of the judge reduce this punishment if the contribution was insignificant.

[Persistent Offender] - If the offender has already been punished in the past for the same offense or for another belonging to the same category, the sentences are automatically doubled.

[Pardon] - The King may grant a pardon to any punishment imposed to the subjects or foreigners, in his personal and absolute discretion.



CODEX CRIMINIUM CONTRA REGNUM, REGEM ET MINISTROS

[High Treason] - Anyone holding institutional positions in the Government of the Kingdom in any way who organize, participate or promotes a revolt against the King, commits acts manifestly hostile to the Sovereign or to other members of the Government or have acts of intelligence with foreign countries to the detriment of the Kingdom shall be punished by imprisonment for not less than three days, a fine not less than 2000 pieces of silver, with the seizure of all property held by him in the markets of the Kingdom and the permanent exclusion from public office. If he doesn’t do an act of public repentance by sending his apology and his submission to the Sovereign within 24 hours upon conviction, also offering full cooperation to the Court revealing useful information to the continuation of the investigation, the seizure is automatically transformed into final confiscation and the offender shall be punished with exile from the Kingdom of Aragon. In the case of repentance exile is still possible at the discretion of the King.

[Treason] - Anyone not holding institutional positions in the Government of the Kingdom who organize, participate in or promotes a revolt against the King, to oppose in any way the action of the government, refusing to back them legitimate directives or undermining in any way the Kingdom and its projects, shall be punished by imprisonment for not less than two days, a fine not less than 1000 pieces of silver, with the seizure of all property held by him in the markets of the Kingdom and the permanent exclusion from public offices. If he doesn’t do an act of public repentance by sending his apology and his submission to the sovereign within 24 hours upon conviction, also offering full cooperation to the Court revealing any useful information to the continuation of the investigation, the seizure is automatically transformed into final confiscation and the offender shall be punished with exile from the Kingdom of Aragon. In the case of repentance exile is still possible at the discretion of the King

[Attack on State Security] - Whoever, by means of acts, facts, omissions of due acts or in any form of expressions affects, in any way, the security of the Kingdom of Aragon or exposes it to external threats or damages its international prestige, shall be punished by imprisonment for not less than two days, a fine not less than 1000 pieces of silver, the confiscation of all his goods in the markets of the Kingdom and the exile from the Kingdom of Aragon.

[Violation and Omission of Office duties, Bribery and Corruption] - Anyone who holds an institutional position and not accomplishes the duties of his office, either spontaneously or after obtaining from a third party cash or other benefits, or makes acts contrary to them, or voluntary fails due acts, or abuse of its quality or its powers forcing a subject to unduly give or promise to him or to a third party money or other benefits, shall be punished by imprisonment for not less than 2 days with a fine not less than 1000 pieces of silver and permanent exclusion from public offices. The same penalty will be give to the person who has led the incumbent to do so.

[Peculation] - Anyone holding an institutional position, from appropriating state money from any of the public without being authorized by law or by distracting public purposes, shall be punished with the recovery of a sum equal to the money stolen increased with a fine of not less than 1000 pieces of silver, or with forced labor for as long as the judge will esteem necessary to obtain an equivalent sum.

[Lèse-majesté] - Anyone who offends the honor or prestige of the King or the honor of his Government or of one of its members, shall be punished by a fine of not less than 200 pieces of silver and no more than 500 pieces of silver or, alternatively, with the confiscation of goods for an equivalent value.



CODEX CRIMINALIS MILITARIS

[Aragonese Army] - The Real Exèrcit de la Corona de Aragón is the army of the Kingdom of Aragon, made up of all subjects capable of bearing arms who have completed at least 21 days of life. The operational command of the army belongs to the Condestable of the Kingdom, directly appointed by the King, who instead holds the supreme command in times of war and peace, as well as the right to grant the soldiers that stand promotions, prizes and special awards. The army service is compulsory for all subjects when the King sends a general call to arms, shall be exempted only the clergy and those who boast the exemption granted by the King to protect the good performance of the economy of the Kingdom.
Anyone who refuses to answer the call to arms without a valid reason shall be punished by a fine of 200 silver coins and a disqualification from holding public office for four months.

[Knights of Montesa] - The Cavallers de Montesa are the élite corps of the Kingdom. The operational command of the Order is held by its Mariscal, appointed directly by the King, who holds the supreme command instead in times of war and peace being the Gran Menstre. The Mariscal responds directly to the King and is not subject to the Condestable of the Army. The Knights solemnly swear to serve the Crown and to spare no effort in their tasks also assuring their permanent availability to participate to the missions assigned to them abroad and at home even in case of short notice. For their position they enjoy a greater prestige in the army and special benefits granted to them by the King. The Knight who does not accomplishes his duties in the absence of his oath shall be punished with the loss of a knighthood, with a ' fine of 300 silver coins and disqualification from public office of six months.

[Duties of the soldier] - Each and every soldier in the army of Montesa rider swears to faithfully serve his King and the Kingdom, and solemnly undertakes to ensure maximum confidentiality of the strategies and the weapons supplied to obey faithfully the orders and to defend the country at all costs.
It’s strictly prohibited to the soldiers and to the Knights of Montesa to participate in riots, assaults or looting, as well as join other groups or orders which are predominately military without the express permission of the King, the Condestable or the Mariscal of Montesa. Anyone who contravenes these provisions shall be punished by a fine of 250 silver coins and disqualification from public office of six months.

[Equipment] - All equipment supplied to the recruits who requested it is owned by the Royal Armory and then by the Kingdom, and it must be carefully guarded and used only when necessary and following an explicit order of the military commanders, and it must be returned to the Kingdom at the request of the Marshal. It’s forbidden for the soldiers to use the equipment supplied in time of peace, and especially out of service for purposes not covered by orders of the Condestable and of the King: the Knights of Montesa are allowed to use their own equipment even in time of peace. Anyone who contravenes these provisions is obliged to immediately return the equipment supplied to the Royal Armory and shall be punished by a disqualification from holding public office of three months.

[Closing the borders] - If there is a state of war or the King esteems it is appropriate, borders can be closed against all foreigners or just against the subjects of some Kingdoms. In this case, every foreigner passing through the territory of the Kingdom must obtain before a permit granted at the discretion of the King and of his government. The achievement must be accomplished before the entrance.
In case of transgression the foreigner shall be punished by an imprisonment of two days, 300 silver coins and disqualification to enter the Kingdom for the following three months.
Are exempted from the necessity of the permit the members of the clergy, whatever religion they belong to.

[Carrying weapons] - Carrying weapons and wearing armor is allowed only to the King, the Condestable, the Mariscal and the Captains of the Guard in times of peace and war, and to the members of the Real Exercit in time of war. Anyone who violates this provision is subject to one day's imprisonment and a fine of 300 silver coins.



CODEX CRIMINALIS MERCATORIUS

[Speculation on the market] - Any person who will buy up or hire away large amounts of single goods  in the Kingdom’s markets, to sell them later in the same markets of the Kingdom for an higher price shall be punished by the confiscation of all his goods in the markets of the Kingdom and by a fine of 300 silver coins or alternatively with an number of days of hard labor equivalent to that sum determined by the court.

[Basic Goods] - Bread, cheese, cakes and soups are considered primary goods, being essential for the survival of the population. Therefore their maximum selling price is established for the market:

- Bread: 4 silver coins
- Cheese: 18 silver coins
- Cakes: 20 silver coins
- Stews of meat or fish: 25 silver coins

Anyone who sells them to a citizen of the Kingdom for a higher price shall be punished by a fine of 150 silver coins and by the obligation to return the superabundant to the victim of the offense.
It is also prohibited to buy more than 3 pieces of cheese, stews or pies a day and more than 10 loaves a day, unless you get special permission of King. Anyone who purchases a larger quantity shall be punished with immediate confiscation of such goods, with a fine of 200 silver coins or alternatively with a number of days of hard labor equivalent determined by the court.

[Unattended storage of goods at the market] - Anyone give up its stall at the market for more than 10 days since his last work (OFF: anyone who does not connect more than 10 days in the game), will be subjected to a precautionary temporary seizure of his assets by the Captain of the Guard responsible for that city.
The same vendors will be immediately notified by a letter of the Captain of the quantity and value of the seizures which will be returned, without any burden, when the rightful owner claims possession of it, and if this does not happen at the death of their owner they will be permanently confiscated by joining the Royal Treasury of the Kingdom.

[Illegal exploitation of resources] - All foreign citizens not belonging to countries with which the Kingdom of Aragon has concluded specific treaties, if they wish to take advantage of the forests, mines, quarries, deposits and all types of natural resources in the territories of the Kingdom, must submit an application for a special license to the King or to the Treasurer: this application may be rejected or accepted, according to the wishes of the King and his government. The granting of the license is normally subject to a contribution of raw materials or silver coins at the time of the issuance of such license and must be renewed periodically.
Anyone who fails to comply with these provisions shall be punished by imprisonment for not less than two days, by a fine of not less than 300 silver coins and by the obligation to release immediately all the resources unlawfully acquired the Royal Palace. If he does not comply he will be banished from the Kingdom and will be subjected to an immediate stop in case of further input together with a further fine of 300 silver coins apart from the extraction of resources. Those who will auto-declare to the authorities that they havd innocently ignored the law can apply for a later license paying a fine of 100 silver coins in addition to the normal price of the license.


His Majesty Fabio Massimo
King of Aragona


« Last Edit: 05 January, 2013, 04:55:05 AM by Fabio Massimo »

(RIP) Fabio Massimo

  • General group
  • Full Member
  • *
  • Posts: 217
  • Honour: 0
  • Desperta Ferro!
Re: Codex Criminalis Aragonensis [Eng - Ita - Esp]
« Reply #1 on: 05 January, 2013, 05:12:12 AM »
CODEX CRIMINALIS ARAGONENSIS



IURA FUNDAMENTALIA

[Tassatività della legge penale] - Nessuno può essere punito per un fatto che non sia espressamente preveduto dalla legge come reato, né con pene o modalità che non siano dalla legge stabilite.

[Tendenziale irretroattività negativa della legge penale] -  Normalmente nessuno può essere punito per un fatto che, secondo la legge del tempo in cui fu commesso, non costituiva reato o che, secondo una legge posteriore, non costituisce reato. Se vi è stata condanna, ne cessano l'esecuzione e gli effetti, a meno che non sia espressamente previsto il contrario dalla nuova legge o ordinato dal Re.

[Ambito di applicazione] -  La legge penale del Regno si applica a tutti i sudditi del Regno, siano essi sul suo territorio o all’estero, e a tutti gli stranieri presenti nel Regno per tutti i reati da loro commessi nei suoi territori. Eccezioni possono essere previste solo in virtù di norme internazionali.

[Principio di assorbimento] -  Se una singola condotta integra più fattispecie dei seguenti reati, il reato più grave assorbe quello meno grave.

[Tentativo] -  Chi compie atti idonei, diretti in modo non equivoco a commettere un reato, risponde di reato tentato, se l'azione non si compie o l'evento non si verifica indipendentemente dalla sua volontà. Se invece il colpevole volontariamente desiste dalla commissione del reato o ne impedisce il verificarsi risponde solo degli atti già commessi.

[Concorso o favoreggiamento nel reato] -  Chiunque cooperi con l’autore di uno dei seguenti reati, ne faciliti l’esecuzione, tenti di occultarne l’esistenza o faciliti la sua fuga soggiace alla medesima pena prevista per l’autore; è a discrezione del giudice ridurla qualora l’apporto sia stato di scarsa rilevanza.

[Recidiva] -  Se il colpevole è già stato punito in passato per lo stesso reato o per un altro appartenente alla medesima categoria, le pene vengono automaticamente raddoppiate.

[Grazia] -  Il Re può concedere la grazia per qualsiasi pena inflitta ai sudditi o agli stranieri, a suo personale ed insindacabile giudizio.



CODEX CRIMINIUM CONTRA REGNUM, REGEM ET MINISTROS

[Alto Tradimento] -  Chiunque, ricoprendo cariche istituzionali nel Governo del Regno a qualunque titolo, organizzi, partecipi o istighi ad una rivolta contro il Re, compia atti manifestamente ostili nei confronti del sovrano o in quelli degli altri membri del Governo o abbia atti di intelligenza con stati stranieri in danno del Regno è punito con la reclusione non inferiore a 3 giorni, con una multa non inferiore a 2000 denari d’argento, con il sequestro di tutti i beni da lui detenuti nei mercati del Regno e con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Qualora non faccia atto di pubblico ravvedimento inoltrando le sue scuse e la sua sottomissione al sovrano entro 24h dalla condanna, ed offrendo altresì la massima cooperazione all’autorità giudiziaria rivelando ogni informazione utile al proseguimento delle indagini, il sequestro si trasforma automaticamente in confisca definitiva e il colpevole è punito con l’esilio dal Regno di Aragona. In caso di ravvedimento l’esilio è comunque possibile a discrezione del Re.

[Tradimento] -  Chiunque, non ricoprendo cariche istituzionali nel Governo del Regno, organizzi, partecipi o istighi ad una rivolta contro il Re, si opponga in qualunque modo all’azione del Governo, rifiutando di eseguirne le legittime direttive o sabotando in qualunque modo il Regno e i suoi progetti, è punito con la reclusione non inferiore a 2 giorni, con una multa non inferiore a 1000 denari d’argento, con il sequestro di tutti i beni da lui detenuti nei mercati del Regno e con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Qualora non faccia atto di pubblico ravvedimento inoltrando le sue scuse e la sua sottomissione al sovrano entro 24h dalla condanna, ed offrendo altresì la massima cooperazione all’autorità giudiziaria rivelando ogni informazione utile al proseguimento delle indagini, il sequestro si trasforma automaticamente in confisca definitiva e il colpevole è punito con l’esilio dal Regno di Aragona. In caso di ravvedimento l’esilio è comunque possibile a discrezione del Re.

[Attentato alla Sicurezza dello Stato] - Chiunque, mediante atti, fatti, omissioni di atti dovuti o espressioni in qualunque forma manifestate comprometta, in qualunque modo, la sicurezza del Regno di Aragona ovvero lo esponga a minacce esterne o ne incrini il prestigio internazionale, è punito con la reclusione non inferiore a 2 giorni, con una multa non inferiore a 1000 denari d’argento di multa, la confisca di tutti i beni nei mercati del Regno e con l'esilio dal Regno di Aragona.

[Violazione ed Omissione dei Doveri d’ufficio, Concussione e Corruzione] -  Chiunque, titolare di una carica istituzionale, venga meno in qualunque modo ai doveri del suo ufficio, spontaneamente o dietro ottenimento da parte di un terzo di denaro o altra utilità, compiendo atti contrari agli stessi o omettendo atti dovuti, o ancora abusi della sua qualità o dei suoi poteri costringendo un suddito a dare o promettere indebitamente, a lui o ad un terzo, denaro od altra utilità, è punito con la reclusione non inferiore a 2 giorni, con una multa non inferiore a 1000 denari e con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Alla stessa pena soggiace colui che abbia indotto il titolare della carica ad agire in tal modo.

[Peculato] -  Chiunque, ricoprendo una carica istituzionale, si appropri di denaro dello Stato da una qualsiasi delle strutture pubbliche senza essere autorizzato dalla legge o distraendolo dagli scopi di pubblica utilità, è punito con la restituzione di una somma equivalente al denaro rubato maggiorata da una multa non inferiore ai 1000 denari d’argento, ovvero con i lavori forzati per il tempo che il giudice riterrà equivalente a tale cifra.

[Lesa Maestà] -  Chiunque offende l’onore o il prestigio del Re ovvero del suo Governo o di uno dei suoi membri, è punito con una multa non inferiore a 200 denari e non superiore a 500 denari ovvero, in alternativa, con la confisca dei beni per un valore equivalente.



CODEX CRIMINALIS MILITARIS

[Esercito Aragonese] - Il Real Exèrcit de la Corona de Aragó è l’esercito del Regno di Aragona, costituito da tutti i sudditi atti alle armi che abbiano compiuto almeno 21 giorni di vita. Il comando operativo dell’esercito appartiene al Condestable del Regno, nominato direttamente dal Re, che ne detiene invece il comando supremo in tempo di guerra e di pace, nonché il diritto di concedere ai soldati che si distinguano promozioni, premi e speciali onorificenze. Il servizio nell’esercito è obbligatorio per tutti i sudditi qualora il Re dirami una chiamata generale alle armi, sono esonerati solo gli ecclesiastici e coloro che vantino l’esenzione concessa dal Re per proteggere il buon andamento dell’economia del Regno.
Chiunque rifiuti di rispondere alla chiamata alle armi senza giustificato motivo è punito con l’ammenda di 200 denari d’argento e l’interdizione dai pubblici uffici per 4 mesi.

[Cavalieri di Montesa] - I Cavallers de Montesa sono il corpo d’élite del Regno di Aragona. Il comando operativo dell’Ordine è detenuto dal suo Mariscal, nominato direttamente dal Re, che ne detiene invece il comando supremo in tempo di guerra e di pace essendone il Gran Menstre. Il Mariscal risponde direttamente al Re e non è subordinato al Condestable dell’esercito. I Cavalieri giurano solennemente di servire la Corona e di non lesinare alcuno sforzo in questo compito, inoltre garantiscono la propria costante disponibilità a partecipare alle missioni a loro assegnate all’estero ed in patria anche in caso di breve preavviso. Per la loro posizione godono di maggiore prestigio in seno all’esercito e di speciali vantaggi a loro concessi da parte del Re. Il Cavaliere che non compia i propri doveri mancando al suo giuramento è punito con la perdita del titolo di cavaliere, con un’ammenda di 300 denari e con l’interdizione dai pubblici uffici per 6 mesi.

[Doveri del soldato] - Ogni soldato dell’esercito e ogni cavaliere di Montesa giura di servire fedelmente il suo Re ed il Regno, e si impegna solennemente a garantire la massima riservatezza riguardo le strategie e l'armamento in dotazione, ad ubbidire fedelmente agli ordini e a difendere la patria ad ogni costo.
E’ severamente vietato ai soldati e ai cavalieri di Montesa partecipare a rivolte, assalti, scontri o saccheggi, così come aderire ad altri gruppi od ordini di stampo prettamente militare senza espressa autorizzazione del Re, del Condestable o del Mariscal di Montesa. Chiunque contravvenga a tali disposizioni è punito con una multa di 250 denari e con l’interdizione dai pubblici uffici per 6 mesi.

[Equipaggiamento] - Tutto l'equipaggiamento fornito in dotazione alle reclute che ne facciano richiesta è di proprietà dell’Armeria Reale e quindi del Regno, deve essere custodito attentamente ed usato solo in caso di necessità e di esplicito ordine dei comandanti militari, nonché restituito al Regno su richiesta del Condestable.
E' fatto divieto ai soldati di indossare le armi o di usare l'equipaggiamento in dotazione in tempo di pace, fuori servizio e soprattutto per scopi non previsti dalle direttive del Condestable e del Re. I Cavalieri di Montesa sono autorizzati ad indossare le proprie armi anche in tempo di pace. Chiunque contravvenga a tali disposizioni ha l’obbligo di restituire immediatamente l’equipaggiamento fornitogli ed è punito con l’interdizione dai pubblici uffici per 3 mesi.

[Chiusura delle frontiere] - Qualora vi sia uno stato di guerra oppure il Re lo ritenga opportuno, le frontiere possono essere chiuse nei confronti di tutti gli stranieri o solo dei sudditi di alcuni regni. In tal caso ogni straniero transitante sul territorio del Regno dovrà munirsi di previo lasciapassare concesso a discrezione del Re e del suo Governo. L’ottenimento deve pervenire anteriormente all’ingresso.
In caso di trasgressione lo straniero è punito con 2 giorni di reclusione, 300 denari di multa e l’interdizione di fare ingresso nel Regno per i 3 mesi successivi.
Sono esenti da tale lasciapassare i religiosi, a qualunque fede appartengano.

[Porto d’armi] - Portare armi ed indossare armature è consentito esclusivamente al Re, al Condestable, al Mariscal e ai Capitani della Guardia in tempo di pace e di guerra, e ai membri dell’esercito aragonese in tempo di guerra. Chiunque violi tali disposizioni soggiace ad 1 giorno di reclusione e ad una multa di 300 monete d'argento.
 

CODEX CRIMINALIS MERCATORIUS

[Speculazione al mercato] -  Chiunque faccia incetta ovvero si accaparri beni nei mercati del Regno in quantità ingente per singolo bene per poi rivederli negli stessi mercati del Regno a prezzo maggiorato, è punito con la confisca di tutti i suoi beni presenti nei mercati del Regno e con una multa di 300 denari o in alternativa con un numero di giorni di lavori forzati equivalente stabilito dal giudice.

[Generi di prima necessità] -  Il pane, il formaggio, le torte e le zuppe sono considerati beni di prima necessità, essendo imprescindibili per la sopravvivenza della popolazione. Pertanto il loro prezzo massimo di vendita al mercato è stabilito in:

- pane: 4 monete d’argento
- formaggio: 18 monete d’argento
- torte: 20 monete d’argento
- stufati di carne o pesce: 25 monete d’argento

Chiunque li venda ad un suddito del Regno ad un prezzo superiore è punito con una multa di 150 monete d’argento e con l’obbligo di restituire la parte sovrabbondante alla vittima del reato.
Inoltre è fatto divieto di acquistare più di 3 pezzi di formaggio, stufati o torte al giorno e più di 10 pagnotte al giorno, a meno che non si ottenga una speciale autorizzazione del Re. Chiunque acquisti una quantità superiore è punito con la confisca immediata dei beni summenzionati, con una multa di 200 denari o in alternativa con un numero di giorni di lavori forzati equivalente stabilito dal giudice.

[Giacenza incustodita dei beni al mercato] -  Chiunque abbandoni il suo banco di vendita al mercato per un tempo superiore a 10 giorni dalla sua ultima attività (OFF: chiunque non si connetta da più di 10 giorni nel gioco), potrà subire il sequestro cautelare temporaneo dei beni stessi da parte del Capitano della Guardia competente per quella città.
Gli stessi venditori saranno quindi immediatamente avvisati con una missiva del Capitano della quantità e del valore dei beni sequestrati i quali saranno restituiti, senza onere alcuno, nel momento in cui il legittimo proprietario ne reclami il possesso; qualora ciò non avvenga alla morte del proprietario essi verranno definitivamente confiscati entrando a far parte del Tesoro Reale del Regno.

[Sfruttamento illegale delle risorse] -  Tutti i cittadini stranieri non appartenenti a Stati con i quali il Regno di Aragona abbia stipulato specifici trattati in materia, qualora desiderino poter usufruire dei boschi, delle miniere, delle cave, dei depositi e di tutti i tipi di risorse naturali presenti nei territori del Regno, dovranno presentare domanda di apposita Licenza al Re o al Tesoriere:  tale domanda potrà essere respinta o accettata, secondo le volontà del Re e del suo Governo. La concessione della licenza è normalmente sottoposta ad un contributo di sfruttamento versabile in materie prime o in denari d'argento al momento del rilascio di detta licenza e deve essere rinnovata periodicamente.
Chiunque non rispetti le presenti disposizioni è punito con la reclusione non inferiore a 2 giorni, con una multa non inferiore a 300 monete d’argento e con l’obbligo di cedere immediatamente tutte le risorse illegittimamente acquisite al Palazzo Reale. Qualora non ottemperi sarà bandito dal Regno e subirà l’arresto immediato in caso di ulteriore ingresso insieme ad un’ulteriore multa di 300 denari a prescindere dall’estrazione di risorse. Coloro che si autodenuncino alle autorità avendo ignorato incolpevolmente la legge potranno inoltrare domanda per una licenza tardiva, pagando una multa di 100 denari oltre al prezzo ordinario della licenza.

Sua Maestà Fabio Massimo
Re di Aragona