Author Topic: Santa Messa Domenicale 22/07/1312  (Read 923 times)

(RIP) Argante Gonzaga

  • General group
  • Full Member
  • *
  • Posts: 150
  • Honour: 0
Santa Messa Domenicale 22/07/1312
« on: 21 July, 2012, 11:58:31 AM »
SANTA MESSA DOMENICALE





Miei amatissimi Fratelli e Sorelle, è con pura ed immensa gioia che quest'oggi mi appresto a predicare nella casa del Signore.

Difatti vorrei stringermi a Voi nel esprimere le nostre felicitazioni a Dama Dorotea Medici ed al suo valoroso consorte, Tristano Bentivoglio.

Che la loro unione sia da esempio per tutti noi, e ci ricordi che l'amore è la chiave per superare ogni tribolazione.

Ma l'amore tra Dorotea e Tristano, non ha solo arricchito le loro vite di bellissime emozioni, ma ha donato a noi tutti due splendide fanciulle,
Fiammetta e Matilda
che con la loro gioia di vivere hanno reso i nostri cuori più leggeri di una piuma.

Che Tehos Vegli ogn'ora su Voi, giovani figli e porti la serenità nei Vostri cuori.

Vorrei altresì ringraziare il Signore Nostro per aver donato a questa città altre gemme rilucenti, una tra queste, mia giovane sorella Magda Gonzaga che, con impegno e perseveranza, porta in alto il valore del nostro amato Regno.

Sono tante e varie le manifestazioni del volere di Tehos, sta a noi scorgerle e renderle dei veri e propri tesori.

A questo proposito, vorrei appunto ringraziare Tehos che è giunto fino all'interno di una locanda, ove ha mi permesso di vincere ai dadi una cospicua somma di denaro.

Perchè mi sono chiesto.

Perchè Tehos ha voluto questo?

Adesso conosco la risposta.

Ebbene, questi giorni hanno visto il Ducato di Urbino fiorire di nuovi fratelli ed oltre a coloro che ho nominato poc'anzi, tra di noi è giunto, dopo molte tribolazioni, l'intrepido Hugone Pagani.
Ha pagato cari i suoi affetti tanto che una corte di giustizia lo ha additato come traditore condannandolo all'esborso di una cospicua somma di denaro.
Cinquecento le monete che codesta corte chiede al nostro tribolato Hugone, e Cinquecento saranno le monete che la parrocchia verserà alla causa.


Devo ancora conratularmi con tutti Voi, carissimi fedeli, per l'icessante lavoro che svolgete, raccogliendo i fondi per la parrocchia.
Primo fra tutti, nostro carissimo fratello Bartolomeo Prignano, che svolge questa attività con impeto e costanza sbalorditivi.

Grazie Bartolomeo, grazie Giovanni di Baldino, grazie Pietro Aldobrandeschi, grazie a mia sorella Magda Gonzaga, grazie a Mastino Scala, grazie a Hugone Pagani, grazie a Nunzio Savelli, grazie a Luca d'Aquino e grazie tutti coloro che posso aver omesso di citare.
Grazie di cuore Fratelli e Sorelle, che con i Vostri sforzi rendete questo Regno Unico e ricco di Amore.

Vi lascio con canto, che possa ricordare a tutti di agire come più ci sentiamo, come ha fatto Hugone, ma sopratutto di farlo ADESSO, di non attendere un giorno di più per realizzare i nostri desideri.

Cliccate qui per ascoltare il canto proposto

Andate in pace miei cari.....

In nomine Patris,
et Filii,
et Spiritu Sanctis,
Amen.