Author Topic: Battesimo di Sua Maestà Olac Sforza  (Read 965 times)

(RIP) Francesco Paolo I

  • General group
  • Hero Member
  • *
  • Posts: 883
  • Honour: 0
Battesimo di Sua Maestà Olac Sforza
« on: 14 January, 2012, 10:57:52 AM »
Don Petracone Caracciolo era appena sbarcato al porto di Cagliari, seguito solo da Peppiniello, il suo tuttofare.
Non avevano perso tempo e si erano subito diretti verso la cattedrale.

La chiesa era chiusa ormai da molto tempo. Ma il Vescovo sapeva che presto sarebbe tornata a vivere. Celeste Vitelleschi infatti aveva richiesto di seguire il Seminario Teologico per poter portare nuovamente la parola di Tehos al popolo sardo.

E proprio questo era stato il motivo di riavvicinamento del Re Olac alla Chiesa Teologica. Dopo la presentazione di Celeste, infatti, era intercorso tra il Re ed il Vescovo di Napoli un lunghssimo rapporto epistolare.

Il Re Olac nelle sue lettere si era rivelato un uomo saggio e timoroso del Signore ed alla fine di un lungo percorso di confessioni e pentimento aveva fatto richiesta del battesimo.

La situazione era molto delicata, perchè il sovrano di Sardegna aveva usurpato il trono alla famiglia Este, religiosissima e teologissima, ed era tuttora additato come re usurpatore.

Don Celestino era molto combattuto ma era convinto dell'importanza del perdono negli insegnamenti di Tehos e di Immanuel suo figlio. Aveva scritto dell'argomento al Pontefice Leone Gregorio I ed aveva avuto la sua benedizione nel poter concedere il sacramento del battesimo a sua maestà Olac.

Il Vescovo aveva chiesto di avvertire il Re che era atteso nella sacrestia della cattedrale. Voleva che la cerimonia fosse parca e priva di sfarzi e di festeggiamenti. In quel sacramento dovevano trionfare l'umiltà e la sincerità.
« Last Edit: 15 January, 2012, 12:54:10 AM by Petracone Caracciolo »
Francesco Paolo I
Sommo Pontefice di Santa Romana Chiesa