Author Topic: Lo stato di salute di Federico Montefeltro  (Read 1007 times)

(RIP) Alceste Capoferro

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 411
  • Honour: 0
Lo stato di salute di Federico Montefeltro
« on: 02 December, 2011, 11:46:19 AM »
Correva l'anno 1311 e Siena, sottratta dal controllo di dinastie straniere, viveva i suoi primi giorni come una Repubblica. La popolazione attendeva con trepidazione il giorno in cui sarebbero stati chiamati ad eleggere chi li avrebbe governati, nel frattempo gli eroi che l'avevano restituita al popolo regalavano alla città la soddisfazione di sapere le terre di Arezzo conquistate e annesse al controllo di Siena.

Tra i protagonisti di questa nuova fiorente vita spiccava quello di Federico Montefeltro, il quale in prima persona si era esposto come figura pubblica per  dare ai Senesi una nuova organizzazione della città. Ma Arezzo non era bastata; Firenze, ancora sotto il giogo di dinastie settentrionali, inviava truppe verso tutte le regioni limitrofe, sopprimendo i nativi con incredibile capacità. Siena era pronta a diventare grande, ma Federico sapeva che per competere con i regni vicini era necessario poter disporre del maggior numero di risorse. Il Consiglio di stato approvò quindi la spedizione a Piombino, e Federico, dall'alto della sua profonda umiltà, non mancò di unirsi in qualità di Capitano e soldato al servizio del Comandante della Legione Etrusca.

La battaglia di Piombino non fu più cruenta di altre, l'annessione dei sopravvissuti alla Repubblica si dimostrò non più complessa di quella di Arezzo. Ma quando la polvere si posò sul campo di battaglia più d'un senese giaceva a terra ferito. Tra questi anche Federico Montefeltro, steso sul fianco accanto al suo elmo spezzato.

Diversi giorni dopo, banditori furono inviati per tutta Siena per convocare la popolazione in Piazza del Campo.




E quando la Piazza fu gremita, da una finestra del Palazzo Comunale emerse la figura di Alceste Capoferro, nell'esercizio della sua funzione di membro del Consiglio nonché oratore della Repubblica, come volle lo stesso Federico. Alceste osservò la Piazza e il popolo che la riempiva, sospirò dominando l'emozione, poi con tono sostenuto gridò alla gente: << Popolo di Siena, figli della Repubblica, il Senato provvisorio vi ha convocato qui per darvi notizia di quanto accaduto a Piombino. La regione è presa, ma il costo è stato elevato. La nostra guida, Federico Montefeltro, è vivo, ma ha subito una grave ferita al capo e tutt'ora non risulta essere in grado di svolgere la sua mansione >>. Alceste fu invaso dal brusio della Piazza, che a quelle nuove era scoppiato incessante, quindi sollevò le mani in alto per richiamare l'attenzione, poi aggiunse: << Non abbiate timore per Federico, egli riceverà le cure miglioro. Non abbiate timore per voi stessi, il Consiglio provvisorio rispetterà i piani e vi condurrà prima possibile alle elezioni >>. Proferito ciò Alceste tacque, restano ancora qualche istante a contemplare la folla.

(RIP) Odoacre Oddoni Farnese

  • General group
  • Full Member
  • *
  • Posts: 159
  • Honour: 0
Re: Lo stato di salute di Federico Montefeltro
« Reply #1 on: 05 December, 2011, 03:53:51 AM »
Il Conte Odoacre scese tra la folla dal palazzo,si guardò intorno,sapeva che la gente di Siena nutriva rispetto.Attese che Don Alceste facesse il doloroso annuncio.La folla ebbe un momento di sgomento e smarrimento,le guardie personali gli fecero quadrato attorno.Qualcuno gridò forte.Fece gesto al capitano della sua guardia di rompere la fomazione.Infatti alla fine del discorso ci fu un'ovazione di approvazione.Il popolo aveva capito che il consiglio era il popolo stesso.