Author Topic: Forte Bas Serra  (Read 980 times)

(RIP) Alceste Capoferro

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 411
  • Honour: 0
Forte Bas Serra
« on: 06 October, 2011, 07:04:20 PM »
Sulla città domina l'imponente Torre dell'Elefante, punto di osservazione più elevato del Forte Bas Serra, dimora del Vassallo di Cagliari.


(RIP) Alceste Capoferro

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 411
  • Honour: 0
Re: Forte Bas Serra
« Reply #1 on: 07 October, 2011, 04:07:30 PM »
Alceste Capoferro e la sua assistente Giordana Basile lasciarono la loro Capanna dirigendosi verso la Città di Cagliari. Il Barone giocherellava con un pesante mazzo di chiavi di ferro che gli avrebbe dato l'accesso al Castello di Cagliari, il Forte Bas Serra. Prima di partire per la Sicilia, ove avrebbe recuperato la salma del precedente sovrano Ercole I, il Re Jacob Fugger d'Este aveva nominato Alceste Vassallo di Cagliari e ora egli aveva diritto a risiedere nella struttura posta alla base dell'imponente Torre dell'Elefante.

Quando arrivarono al Castello impiegarono un po' di tempo per trovare la chiave giusta. Una volta riusciti a entrare persero molto tempo a visitare i locali e ad ammirare mobilio e decorazioni. Quando finalmente riuscirono a trovare delle stanze adatte per stabilirsi ambedue si concessero un po' di riposo, prima di darsi appuntamento in quello che sarebbe diventato lo studio del Vassallo.

Alceste sedeva su uno scranno in legno, Giordana occupava una sedia imbottita in velluto, tra di loro a dividerli una massiccia scrivania.
<< Allora Giordà, qui 'e cose se fanno serie. Intanto ve tocca fà 'n giro pe' conosce tutta 'a servitù lasciata dar precedente Vassallo, ovviamente vojo che siate voi a gestire compiti e paghe. Io faccio 'n sarto su'a torre pe' da 'n'occhiata ar panorama, se rivedemo dopo ner vostro studio, che c'ho un ber pò de comunicazioni da favve scrive >>. Lei annuì, l'espressione sul viso eccitata da tante responsabilità.

Di lì a poco si salutarono e dopo aver adempiuto ai loro compiti si reincontrarono nella stanza che Giorana aveva scelto come suo personale studio. Lì Il Barone cominciò a dettare e lei a scrivere.