Author Topic: [ORP] The Pilgrimage - Il Pellegrinaggio  (Read 984 times)

(RIP) Lusyfir Alghurab

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 391
  • Honour: 0
[ORP] The Pilgrimage - Il Pellegrinaggio
« on: 25 February, 2016, 07:40:27 PM »
IT/EN
Lusyfir giaceva in un letto nell'ospedale di Derne, fissando il soffitto sopra di lui. La sua testa era ancora fasciata, ma il dolore era quasi scomparso. Ripensò a tutti i recenti avvenimenti: la conversione forzata, i ritrovamenti nella biblioteca di Derne, la morte del Profeta. Ripensò alla sua conversione al teologismo. Un tempo era un bastardo, abusava del potere garantitogli dal suo denaro ma quando venne curato dai monaci, ebbe un sogno, e vide Theos. "Voleva che mi redimessi... ma ho gettato tutto via. Avevo ancora la mia sete di potere. Sono diventato un vescovo, e poi un cardinale, ma il potere sul clero non era abbastanza per me, decisi di avere anche il potere secolare. Prima vassallo e poi... quando Palmerino diede il regno alla Chiesa... cosa ho fatto? Forse Theos sta provando la mia fede? Sta cercando di farmi redimere di nuovo... o per la prima volta?" Lusyfir non sapeva rispondere. Le cose erano state troppo dubbiose per lui. -Devo andare a Roma... e al Cairo"

Il giorno dopo, Lusyfir lasciò l'ospedale e noleggiò una nave. Prese un profondo respiro d'aria marina, aveva sempre amato il mare. -Ajaccio.- disse al capitano -Devo vedere un vecchio amico.- Il capitano annuì e diede gli ordini all'equipaggio. Il viaggio stava cominciando.
_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Lusyfir laid in a bed in Derne's hospital, staring at the ceiling above him. His head was still bandaged and the pain was almost gone. He thought again of the last happenings: the forced conversion, the findings in the library in Derne, the death of the Prophet. He thought again of his conversion to Theologism. He used to be a bastard, abusing the power given from his money but when he got healed by the monks, he had a dream, he saw Theos. "He wanted me to redeem... but I threw everything away. I still had my lust for power. I became a bishop, and then a cardinal, but the power over the clergy wasn't enough for me, I decided I had to get secular power too. First vassal and then... when Palmerino gave the kingdom to the Church... what did I do? Is Theos proving my faith? Is he trying to make me redeem again... or for the first time?"" Lusyfir couldn't tell. Things had been too doubtful for him. "I shall get to Rome... and Cairo"

The next day, Lusyfir left the hospital and rented a ship.He took a deep breath of sea air, he had always loved sea. -To Ajaccio.- he told the captain. -I have to see an old friend.- The captain nodded and proceeded to give orders to the sailors. The journey was beginning.

(RIP) Lusyfir Alghurab

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 391
  • Honour: 0
Re: [ORP] The Pilgrimage - Il Pellegrinaggio
« Reply #1 on: 03 March, 2016, 07:32:28 PM »
La nave era ancora lontana dalla Corsica, quando Lusyfir iniziò a scorgere l'isola. Era stato Marchese e poi Conte di quell'isola a lungo e un'ondata di nostalgia lo colse, mentre ripensava alle cime montuose e alle splendide coste. Non molti mesi fa vicino Ajaccio era stato costruito un monastero, capitanato da Palmerino Caracciolo, suo vecchio amico. Una volta attraccata la nave, Lusyfir prese la strada che portava al monastero a passo svelto. Era agitato e ansioso di rincontrare il suo amico, dopo mesi e mesi che non lo incontrava.
Si fermò davanti al portone del monastero, rimase fermo qualche secondo e poi bussò tre volte. Un monaco aprì il portone: -Monsignor Corvini! È passato così tanto tempo, come state?- chiese. Lusyfir osservò meglio il suo interlocutore, riconoscendolo. Era un vecchio contadino corso, con cui aveva avuto contatti tempo addietro per una coltivazione di grano. -Ulivieru! Lieto di ricontrarvi. Le cose potrebbero andarmi meglio, ma tutto sommato sto bene, grazie. Perdonate la mia fretta, ma potreste indicarmi dove trovare mons. Caracciolo?- Il monaco prese qualche secondo per pensare, poi rispose -Non è qui, Eminenza, è partito per Roma tempo addietro e non è ancora tornato. Potete attenderlo qui, vi ospiteremo nel monastero.-
Lusyfir digrignò i denti, frustrato per l'assenza dell'amico. -Vi ringrazio, ma non voglio abusare della vostra gentilezza. Durante il mio periodo di permanenza vi aiuterò nei vostri compiti, se ciò non vi dispiace.- Il monaco annuì e gli fece cenno di entrare.

[OFF: Il monaco non sa nulla della mia presunta morte né della mia conversione forzata al misticismo, né del mio non essere più cardinale, per tale motivo si appella a me come Monsignore]
___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

The ship was still far from Corsica when Lusyfir started to see the isle. He had been Marquis and then Count of the isle for long and he started to become melancholy, thinking of the mountains and the beautiful coats of the Island. Not long ago near Ajaccio a monastery was build, lead by Palmerino Caracciolo, and old friend of his. Once the ship docked, Lusyfir headed towards the monastery briskly. He was agitated and anxious to see his friend, after months that he had not seen him.
He stopped in front of the monastery, stood still a few seconds and then knocked three times on the door. A monk opened it: -Monsignor Corvini! It has been such a long time... how are you?- he asked. Lusyfir looked better the monk and recognized him. It was an old corse farmer, with whom he had contacts about a grain farm. -Ulivieru! It's nice to see you. Things could go better for me, but I can't complain. Pardon my hurry, but can you show me where to find mons. Caracciolo?- The monk took some seconds to think, then answered: -He's not here, your Eminence, he left for Rome some time ago and still hasn't come back. You can wait for him here, we will accomodare you here, in the monastery. Lusyfir gnashed his teeth, frustrated for the abstence of his friend. -Thank you, but I don't want to abuse your kindness. During my time here I will help you in your duties, if you're fine with it.- The mink nodded and told him to enter the monastery..

[OFF: The monk doesn't know about my alleged Death, nor of my forced conversion to mysticism nor that I'm not a Cardinal anymore, that's why he calls me Monsignor]
« Last Edit: 03 March, 2016, 07:34:11 PM by Lusyfir Alghurab »

Palmerino Caracciolo

  • General group
  • Hero Member
  • *
  • Posts: 1208
  • Honour: 0
  • Ora et Labora
Re: [ORP] The Pilgrimage - Il Pellegrinaggio
« Reply #2 on: 10 March, 2016, 01:06:01 AM »
Finalmente la nave attraccò al porticciolo di Ajaccio.

Questa volta il mare era stato più clemente, e Palmerino aveva più volte ringraziato Teos per questo.

Aveva avuto modo di pensare, e ragionare sugli ultimi accadimenti, sul suo viaggio ad Urbino, e su ciò che era successo a Roma.

Zoppicava vistosamente, e senza il bastone a cui si appoggiava, non sarebbe andato lontano.

Ci mise un po' a raggiungere il monastero, arrivò in tarda mattinata. Si accorse subito dei cambiamenti. I campi coltivati nei dintorni della struttura erano raddoppiati, e molti braccianti lavoravano alacremente.

Inoltre, la semplice costruzione iniziale, era stata ingrandita, e cominciava a prendere una forma più seria ed importante.

Fu accolto con calore degli altri monaci, preoccupati per l'aspetto emaciato e claudicante del loro abate. Poi, tra loro, riconobbe un volto che non vedeva da molto.

"Lucifero, non ci credo! Siete proprio voi? Cosa ci fate da queste parti? E' una vita che non vi vedo!"

Si avvicinò, zoppicando, all'amico e lo abbracciò forte.

"Sono davvero contento di vedervi" e lo guardò negli occhi.

Sospirò.

"Cosa è successo, amico mio?".


-----------------------------------------------------------------------


Finally the ship docked at the little shipyard of Ajaccio.
This time the sea had been more lenient, and Palmerino had repeatedly thanked Teos for that.
He had got time to think, and to reason about the latest happenings, about his journey to Urbino, and what had happened in Rome.
He was limping noticeably, and without the stick that was leaning, he would not go far away.
He took a while to reach the monastery, and arrived in the late morning. He immediately noticed the changes. The fields around the structure were doubled, and many laborers were working busily.
In addition, the simple initial construction, had been enlarged, and was beginning to take a more serious and important form.
He was greeted with warmth from the other monks, concerned about the appearance emaciated and limping of their abbot. Then, between them, he recognized a face he had not seen for long.
"Lucifero, I do not believe it! What are you doing here? It is a life that I didn't see you!"
He walked, limping, over his friend and hugged him tightly.
"I'm really glad to see you" and looked him into his eyes.
He sighed.
"What happened, my friend?".


(RIP) Lusyfir Alghurab

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 391
  • Honour: 0
Re: [ORP] The Pilgrimage - Il Pellegrinaggio
« Reply #3 on: 10 March, 2016, 08:36:16 PM »
Un monaco chiamò Lusyfir, dicendogli che Monsignor Palmerino Caracciolo era arrivato al monastero. Quanto tempo era passato dal suo arrivo in Corsica? Lusyfir aveva perso il conto, ma non era importante: quell'esperienza di lavoro umile, insieme degli uomini che la ricchezza l'avevano solo vista in mani altrui e che non vi aspiravano, era stata un ringiovanimento per la sua anima. Con passo veloce attraversò la struttura fino a raggiungere il suo amico. Rimase in silenzio fino a quando non fu lui a riconoscerlo, al che sfoderò un sorriso a trentadue denti. -Anche io sono contento di vedervi, Palmerino. Ma prima che vi racconti ciò che mi è successo, vorrei sapere cos'è accaduto a voi, zoppicate!- disse, osservando la gamba dell'amico -Ma è meglio che prima mangiate qualcosa, parleremo durante il pasto. Venite, i nostri confratelli stanno già preparando il pranzo.- e dicendo ciò, scortò l'acciaccato Monsignore nella sala pranzo.

___________________________________________________________
A monk called Lusyfir, telling him that Monsignor Palmerino Caracciolo had arrived at the monastery. How long had he been in Corsica? Lusyfir lost the count, but it wasn't important: that experience of humble work, together with men that had only seen richness in other people's hands and never wanted it, had been a rejuvenation for his soul. With swift moves, he got to his friend. He kept quiet until he recognized him, then he showed a big great smile. -I'm happy to see you too, Palmerino. But before I tell you what has happened to me, I would like to know what has happened to you, you hobble!- he said, looking at his friend's lag -But first, you should eat something, we will weat during the meal. Come, our brothers are already preparing lunch.- and saiyng so, he escorted his old friend to the dining room.

Palmerino Caracciolo

  • General group
  • Hero Member
  • *
  • Posts: 1208
  • Honour: 0
  • Ora et Labora
Re: [ORP] The Pilgrimage - Il Pellegrinaggio
« Reply #4 on: 11 March, 2016, 12:45:58 AM »
"Non dovete preoccuparvi, amico mio. Le strade di confine non sono mai sicure. Ero di ritorno da Urbino, quando dei briganti mi hanno assalito. Ho provato a difendermi, e questo è il risultato. La verità è che gli anni passano, ed io non sono più quello di una volta.
Ma sto bene, ed ho anche appetito. Voi piuttosto, ditemi, come state? Cosa avete fatto in questo periodo?".

--------------------------------------------------------------------------------

"Do not worry, my friend. The border roads are never safe. I was returning from Urbino, when some robbers attacked me. I tried to defend myself, and this is the result. The truth is that the years go by, and I am no longer what I once was.
But I'm fine, and I'm hungry, too. You  tell me, how are you? What did you do during this time? ".



(RIP) Lusyfir Alghurab

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 391
  • Honour: 0
Re: [ORP] The Pilgrimage - Il Pellegrinaggio
« Reply #5 on: 13 March, 2016, 11:24:43 AM »
-Lieto di sentire che state bene. La mia storia è piuttosto lunga, ma cercherò di riassumervela.- disse Lusyfir, sedendosi al tavolo insieme all'amico Palmerino. -Sono stato a Cirene e lì ho incontrato Carmelo Beccadelli, nostra vecchia conoscenza. Era come impazzito, è diventato seguace della religione mistica ed è molto fervente, una volta arrivato lì mi ha mozzato un dito.- e dicendo ciò mostrò la mano sinistra -E l'ha inviato a Roma per fingere la mia morte, poi mi ha costretto a convertirmi. Ho passato settimane nella Biblioteca di Derne e ho trovato documenti che parlavano di un'antica religione, con delle profezie che sembravano stare per avverarsi. Io ho sempre creduto in Theos, ma in quei momenti... ero debole, l'elezione del marchese Fieschi al soglio mi aveva fatto dubitare e ciò che era scritto lì sembrava così... vero. Ci credetti e andai alla ricerca del profeta mistico, ma lo trovai ucciso. Le profezie che avevo trovato erano false, e così mi ritrovai di nuovo senza sapere in cosa credere. Ho bisogno di voi, Palmerino, per tornare sulla retta via. Battezzatemi di nuovo, liberatemi dai miei peccati.- concluse, fissando negli occhi il suo mentore.
_____________________________________________________________________________________

-I'm happy to hear you're alright. My story is long, but I'll try to shorten it.- Lusyfir said, sitting at the table with his friend Palmerino. -I've been to Cyrene, and there I met Carmelo Beccadelli, an old acquaintance of ours. He was mad, he became a follower of the Mystic religion and is now very fervent, when I arrived there he cut a finger of mine.- and saying so he showed his left hand  -And sent it to Rome to fake my death, then forced me to convert. I spent weeks in Derne's Library and I found documents that talked of an ancient religion, with prophecies that seemed to happen. I've always believed in Theos, but in those moments... I was weak, and the election of the Fieschi Marquis to the Pontifical throne had made me doubt and what was written in those documents seemed so... real. I believed that and I looked for the mystical prophet, but I found him dead. The prophecies were false, and so I found myself again not knowing what to believe. I need you, Palmerino, to come back to the right way. Baptize me again, free me from my sins.- He concluded, staring in the eyes of his mentor

Palmerino Caracciolo

  • General group
  • Hero Member
  • *
  • Posts: 1208
  • Honour: 0
  • Ora et Labora
Re: [ORP] The Pilgrimage - Il Pellegrinaggio
« Reply #6 on: 13 March, 2016, 01:10:41 PM »
Palmerino inforcò il primo boccone di zuppa restò a bocca aperta, ascoltando i racconti del suo amico.

Chi era quell'uomo? Conosceva Lucifero da molti anni. Avevano lavorato fianco a fianco ed organizzato insieme l'evoluzione di Roma, oggi Stato Pontificio. E lo avevano fatto sempre nel nome di Teos, seguendo i suoi insegnamenti, assecondando i suoi desideri.

Cosa era successo a Lucifero? Cosa lo aveva fatto vacillare?

La salita al Soglio del marchesino Tiziano, era stato l'ennesimo esame, l'ennesima prova da superare.

E Lucifero aveva fallito, si era lasciato trasportare dalle emozioni. La sua fede, il suo credo, egli aveva dubitato...

Pensò, prima di parlare, ed ingoiò finalmente il boccone.

"Lucifero, amico mio, in nome di Teos, cosa avete fatto? Perchè avete vacillato? Proprio voi, che per me siete sempre stato d'esempio!

Chi siamo noi per decidere cosa è giusto e cosa è sbagliato?

Come puoi permetterti di giudicare il volere di Nostro Signore?".


Fece un lungo respiro e riprese con calma e con un sorriso.

"Il nostro compito non è decidere o giudicare. Il nostro compito è seguire il volere di Teos, qualunque esso sia.

Lucifero! Noi dobbiamo dare l'esempio!"


Restarono in silenzio per un po'. Poi Palmerino disse:

"Immanuel disse: se un tuo fratello pecca, rimproveralo; ma se si pente, perdonalo.

Voi siete la pecorella smarrita, amico mio. Voi eravate morto e siete tornato in vita, eravate perduto siete stato ritrovato.

Scriverò a Sua Santità Anselmo. Sono sicuro che capirà, e che si rallegrerà, come la parabola del figlio prodigo ci insegna."


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Palmerino put in the first mouthful of soup and gasped, listening to the stories of his friend.

Who was that man? He knew Lucifero for many years. They had worked side by side and arranged along the evolution of Rome, now the Pontifical States. And they had always done it in the name of Teos, following his teachings, pandering to his wishes.

What had happened to Lucifero? What had made him sway?

The climb to the Chair of the Marquis Tiziano, had been another exam, yet another test to pass.

And Lucifero had failed, he had let himself be carried away by emotions. His faith, his beliefs, he had doubted ...

He thought, before speaking, and finally swallowed the mouthful.

"Lucifero, my friend, in the name of Teos, what did you do? Why did you falter? Just you, that you have always been for me an example!

Who are we to decide what is right and what is wrong?

How can you afford to judge the will of Our Lord? ".


He took a deep breath and continued calmly and with a smile.

"Our task is not to decide or to judge. Our task is to follow the will of Teos, whatever it is.

Lucifero! We must lead by example! "


They were silent for a while. Then Palmerino said:

"Immanuel said: if your brother sins, rebuke him; and if he repents, forgive him.

You are the lost sheep, my friend. You were dead and you're alive again, you were lost and now you are found.

I will write to His Holiness Anselmo. I'm sure he will understand, and you will rejoice, as the parable of the prodigal son teaches us. "


(RIP) Lusyfir Alghurab

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 391
  • Honour: 0
Re: [ORP] The Pilgrimage - Il Pellegrinaggio
« Reply #7 on: 13 March, 2016, 03:27:58 PM »
-A..avete ragione. Ero solo, in una terra lontana, circondato da infedeli, forse avevo paura...- Lusyfir tentò di giustificarsi -Ma ora, dopo aver vissuto con i monaci qui al monastero, mi sento un uomo nuovo. Avevo già sbagliato prima ancora di partire per Cirene. Ero stato accecato dalla cupidigia e dall'arroganza. Ciò che prima era il denaro per me, dalla mia nomina a vescovo è diventato il potere. Sono stato avido, amico mio, troppo avido. L'avarizia era ciò da cui ero fuggito per cercare di tornare sotto la luce di Theos, ma io... io l'ho ripresa, sotto la Sua stessa Chiesa! Io sono pentito, talmente pentito che non conosco parole che possano esprimerlo.-
Prese un profondo respiro e bevve un sorso d'acqua. -Voglio ricominciare, da capo.-

__________________________________________________________________________
-Y-you're right. I was alone, in a far away land, surrounded by infidels, maybe I was afraid...- Lusyfir justified himself -But now, after I've lived with the monks here at the monastery, I feel a new man. I was wrong even before I left for Cyrene. I was blinded by cupidity and arrogance. What at first was money for me, after my appointes as bishop became power. I've been greedy, my friend, far too greedy. Greed was what I left to get in the light of Theos, but I... I took it back again, under His own Church! I'm repented, so repented that I don't know words capable to express it.-
He took a deep breath and a sip of water. -I want to start over, from scratch.-