Author Topic: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale  (Read 10239 times)

(RIP) Aleandro Dei Gargioli

  • General group
  • Jr. Member
  • *
  • Posts: 54
  • Honour: 0
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #45 on: 22 January, 2016, 04:28:05 PM »
Arrivati al Palazzo Reale, Aleandro scese dalla carrozza e poi aiutò a scendere la sua cara Miriam,poi ordinò ad un paggio di consegnare il suo dono al Re...Lo
 Scudoche lui stesso aveva forgiato con tanta cura...Si guardarono intorno,c'erano tante carrozze e cavalli e molte dame e cavalieri che si apprestavano ad entrare,si unirono agli altri e si misero in fila...Arrivati al salone furono annunciati dall'usciere:
IL VISCONTE  ALEANDRO DEI GARGIOLI VASSALLO DI AREZZO CON MADAM MIRIAM DELLA ROCCA CAPITANO DELLE GUARDIE D'AREZZO!!!!!!!!!

Aleandro entrò nella grande sala a braccetto con Miriam,salutavano i presenti con sorrisi e cenni di testa,arrivati davanti al Re e la regina fecero degli inchini e augurarono al re buon compleanno.Aleandro chiese al re:

Maestà buon compleanno,spero che il mio presente sia stato di vostro gradimento!
Sorrise e si congedò..
Si avvicinarono al grande tavolo e prese qualcosa da mangiare. Quando la musica iniziò a suonare lui sorridendo si rivolse alla fidanzata e le chiese di ballare , iniziarono a danzare sotto gli sguardi dei presenti...

« Last Edit: 22 January, 2016, 04:29:41 PM by Aleandro Dei Gargioli »

(RIP) Claudio Fortebraccio da Montone

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 4
  • Honour: 0
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #46 on: 22 January, 2016, 07:45:15 PM »
Eccomi finalmente a casa, dopo una lunga giornata di lavoro e trovo sull'uscio una missiva con tanto di sigillo reale ;
alche non credevo a quello che i miei occhi vedessero, come una reliquia e dopo essermi pulito le mani per la paura di poterla contaminare di sporcizia la raccolsi e mi affrettai ad entrare in casa per costatarne il contenuto.

Con cautela e immerso di emozione cominciai a rimuovere il sigillo in cera con impresso lo stemma reale avendo cura e cercando di non danneggiarlo per poterlo conservare come ricordo,  poi piano piano cominciai a aprire il contenuto e con maraviglia e stupore cominciai a leggere il messaggio che scritto da sua eccellenza il re in persona mi invitava al ricevimento a palazzo reale;
non credendo di quello che avevo letto le rilessi un altra volta e poi un altra, non contento e incredulo mi sdraiai sul letto e sognando ad occhi aperti continuavo a godermi della vista del documento, e come fossi un magistrato che deve trovare indizi per assolvere o condannare un imputato continuavo a scrutare il documento in ogni sua sfaccettature.

passo molto tempo ma alla fine  realizzai che era tutto vero; io Claudio Fortebraccio da Montone nato in quella terra desolata di Kafia  discendente dei Fortebracci residenti in Perugia e possessore di terre in quel di Montone nell' alta valle del Tevere  per via di un malinteso i miei nobili genitori furono costretti al confino dall'allora usurpatore del feudo ma facendo di tutto per poter iscrivermi all'anagrafe perugina; sono invitato a corte al gran ricevimento dove prenderà parte  la stragande maggiorana del signori tutti residenti in questo regno.

pieno di adrenalina e non riuscendo a dormire per l'emozione tutta la notte contando quasi i minuti che passavano non vedevo l'ora di parteciparvi
Claudio Fortebraccio Da Montone

(RIP) Caterina D' Benincasa

  • General group
  • Jr. Member
  • *
  • Posts: 93
  • Honour: 0
  • Laudare, Benedicere, Praedicare
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #47 on: 23 January, 2016, 04:11:52 AM »


Attaccato alla porta del capanno nel suo campo, Caterina ha trovato una pergamena con il sigillo reale del Regno di Italia. Ha pensato a se stessa che forse sarebbe stata convocata in tribunale, o forse prima l'inquisitore pagana reale. Lei preghiera aprì il rotolo e leggere il contenuto. Con sua sorpresa, è stato un invito reale.


Ahimè, non poteva partecipare, lei non osa partecipare. In primo luogo, lei solo aveva strappato abiti cenciosi, che non sono stati in grado di indossare in chiesa, per non parlare di indossare prima di sua maestà il re. In secondo luogo, come lei, un seguace di Teos, potrebbe partecipare ad una tale funzione quando fin dal primo, Principi Isabella la guardò con sospetto. Anche se Caterina cercato di essere fedele sia Teos e il Re, e di lavorare anche per fornire necessario cotone e lino per il regno, le sue pergamene al governo erano o risposta o reindirizzato. Caterina è cresciuta nella paura.


Caterina sapeva che doveva cercare la volontà di Teos. Poiché tutte le chiese in Italia erano state distrutte dal re, lei salpò al Regno di Venezia per pregare. Questa è la seconda volta che ha preso un viaggio del genere, il primo essere in occasione del suo battesimo nella fede. Ora, davanti all'altare, l'ostensorio triangolari, e la colonna beata, si inginocchiò in preghiera per chiedere Teos, Immanuel, e mamma Rosaria a parlare con lei e dare la sua guida.


Era lì, davanti al Santissimo Sacramento, che Teos parlò:

"Molto piacevole per me, carissima figlia, è il desiderio disposto a sopportare ogni dolore e fatica, fino alla morte, per la salvezza delle anime, per la più l'anima dura, più lei mostra che lei ama me, amando Me lei viene Per saperne di più della mia verità, e più lei sa, il più dolore e il dolore insopportabile lei sente i reati commessi contro di Me.

Mi hai chiesto di sostenervi, e di punire i difetti degli altri in te, e tu non rilevate che si stava davvero chiedendo amore, luce, e la conoscenza della verità, dal momento che ho già detto che, con l'aumento di amore, cresce il dolore e il dolore, per cui chi cresce in amore cresce nel dolore.

Perciò, io vi dico tutto, che si dovrebbe chiedere, e vi sarà dato, perché io nego niente per lui che chiede di me in verità. Si consideri che l'amore di carità divina è così strettamente unito nell'anima con perfetta pazienza, che nessuno dei due può lasciare l'anima senza l'altro. Per questo motivo (se l'anima eleggere ad amarmi) dovrebbe scegliere di sopportare i dolori per Me in modalità o circostanza qualunque cosa io possa inviare a lei. La pazienza non può essere provato in altro modo che con la sofferenza e la pazienza è unita con l'amore come è stato detto.

Pertanto sopportare voi stessi con coraggio virile, per, a meno che non lo si fa, non sarà dimostrare a voi stessi di essere coniugi di mia Verità, e figli fedeli, né la compagnia di coloro che amano il gusto del mio onore e la salvezza delle anime. "



Caterina è nata dopo aver fatto molte preghiere e sentire le parole che Immanuel aveva detto a lei. Sapeva che lei aveva più sofferenze da sopportare, per il bene di Teos. Dopo il suo ritorno a Urbino, si imbarcò sulla prima nave, pregando che Teos soffiava il vento per guidare la nave che lei può trovare il nostro destino. Ha tenuto il suo rosario e pregò che la mamma Rosaria lei avrebbe guidato, confortarla, e benedirà il Re e Principi, che conoscano l'amore di Teos.





Attached to the door of the shed in her field, Caterina found a scroll with the royal seal of the Kingdom of Italia. She thought to herself that perhaps she would be summoned to court, or perhaps before the royal pagan inquisitor.  She prayerfully opened the scroll and read the contents.  To her surprise, it was a royal invitation. 

Alas, she could not attend, she dare not attend.  First, she only had torn ragged robes, which were not fit to wear in church, let alone to wear before his majesty the king.  Secondly, how could she, a follower of Teos, attend such a function when from the very first, Princes Isabella looked upon her with suspicion.  Though Caterina tried to be faithful to both Teos and the King, and to even work to provide needed cotton and linen for the kingdom, her scrolls to the government were either unanswered or redirected.  Caterina grew in fear.

Caterina knew that she had to seek the will of Teos.  Since all of the churches in Italy had been destroyed by the king, she set sail to the Kingdom of Venice in order to pray.  This is the second time that she took such a trip, the first being on the occassion of her baptism into the faith.  Now, before the altar, the triangular monstrance, and the blessed column, she knelt in prayer to ask Teos, Immanuel, and Mother Rosaria to speak to her and give her guidance.

It was there, before the blessed sacrament, that Teos spoke to her:

"Very pleasing to Me, dearest daughter, is the willing desire to bear every pain and fatigue, even unto death, for the salvation of souls, for the more the soul endures, the more she shows that she loves Me; loving Me she comes to know more of My truth, and the more she knows, the more pain and intolerable grief she feels at the offenses committed against Me.

You asked Me to sustain you, and to punish the faults of others in you, and you did not remark that you were really asking for love, light, and knowledge of the truth, since I have already told you that, by the increase of love, grows grief and pain, wherefore he that grows in love grows in grief.

Therefore, I say to you all, that you should ask, and it will be given you, for I deny nothing to him who asks of Me in truth. Consider that the love of divine charity is so closely joined in the soul with perfect patience, that neither can leave the soul without the other. For this reason (if the soul elect to love Me) she should elect to endure pains for Me in whatever mode or circumstance I may send them to her. Patience cannot be proved in any other way than by suffering, and patience is united with love as has been said.

Therefore bear yourselves with manly courage, for, unless you do so, you will not prove yourselves to be spouses of My Truth, and faithful children, nor of the company of those who relish the taste of My honor, and the salvation of souls."

Caterina arose after making many prayers and hearing the words that Immanuel had spoken to her.  She knew that she had more suffering to endure, for the sake of Teos.  After she returned to Urbino, she set sail on the first ship, praying that Teos would blow the winds to guide the ship that she may find our destiny.  She held her rosary and prayed that Mother Rosaria would guide her, comfort her, and also bless the King and Princes, that they might know the love of Teos.
« Last Edit: 23 January, 2016, 04:14:12 AM by Caterina D' Benincasa »

Ippolito Ferrucci

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 6
  • Honour: 0
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #48 on: 24 January, 2016, 02:00:34 AM »
E' ancora un po' spaesato, si guarda attorno non capendo ben bene cosa stia accadendo. La popolazione che è accorsa al grand evento, ora prende coraggio e s'appresta a prender iniziativa. Di sua sponte torna a far cenno al messo che poco prima aveva interpellato.

"Perdonate nuovamente! Ma di grazia..." Tirando fuori da sotto la mantella il piccolo omaggio per il genetliaco del principe

"...potete metter da parte questo modesto presente per il Principe? Non vorrei che nella calca si rovinasse, capite nevvero?"

MESSO: "Date pure, date pure messer.....?"

"Ferrucci.....Ippolito Ferrucci...Ma chiamatemi pure Mastro Ippolito"

Divertito proferisce all'uomo di corte, che annuisce e prende in custodia il regalo

(una tela di valore)


Poi far per guadagnare il centro della sala sperando in un qualche delizioso incontro, magari con una donzella. Trascorrono pochi secondi, sino a notar da lontano madonna Este e la grazia che con se trascina.
« Last Edit: 24 January, 2016, 02:02:27 AM by Ippolito Ferrucci »

Isabella Este

  • General group
  • Hero Member
  • *
  • Posts: 812
  • Honour: 1
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #49 on: 25 January, 2016, 12:10:12 AM »
Isabella e Costanza si stavano dirigendo verso il Papa quando un Gentiluomo gli si fece incontro...

Lieta serata Vostra Grazia, ... Sono Alessandro d'Altavilla, al vostro servizio!

poi, tra le altre cose, aggiunse


Comunque mia Signora, colgo l'occasione per dirvi di portare i miei ringraziamenti al Re per l'invito al Ricevimento! Non avrei mai immaginato che Sua Maestà avesse una corte così aperta verso il popolo. In vita mia non ho mai visto nessun regno che avesse la stessa considerazione del popolo!



Isabella si riverì

Lieta di conoscervi di persona Sir Altavilla... mi avevano già parlato di Voi e stasera finalmente ci incontriamo!

Grazie per i complimenti... Sua Altezza sa bene che senza il suo Popolo prediletto non potrebbe essere onorato di guidar un sì Glorioso Regno e pertanto ha inteso rendergli omaggio con questo ricevimento che capita proprio in concomitanza con il Compleanno del Signor Principe!

Spero che vi stiate divertendo....


" Il mio segreto è una memoria che agisce a volte per terribilità"

(RIP) Alessandro D'altavilla

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 10
  • Honour: 0
  • Ex Flammis Resurgo
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #50 on: 25 January, 2016, 01:17:19 AM »
Ascolto il dire della giovane Principessa e alle sue parole rispondo sorridendo:Oh si molto Vostra Grazia! E' davvero una bellissima festa e tutto è preparato alla perfezione....anzi...., dico guardandola negli occhi, fin troppo perfetto! Scommetto che sotto tutto questo splendore c'è la vostra capacità organizzativa!Continuo a sorridere e arrivando al tavolo, prendo una coppa e vi verso dentro del vino da poter sorseggiare mentre mi trattengo nella conversazione con la Principessa. Poi continuo a parlare: E così vi hanno parlato già di me? Spero vi abbiano detto solo cose interessanti da sentire mia Signora! Vedete posso assicurarvi che non sempre la vita di un cavaliere di oggi rispecchi la classica figura del cavaliere perfetto. Faccio una pausa per fare un sorso di vino. Sono lontani i giorni descritti nelle bellissime opere delle "Chansons de geste"!. Uno luccichio di emozione compare immediatamente nei miei occhi parlando di questi poemi cavallereschi e subito dopo un rapido sorso di vino mi appresto a domandare ancora: Vi piacciono le "Chansons de geste"? Io rimango estasiato da questi racconti in cui gli antichi ideali e valori dei cavalieri risultano essere l'unica soluzione possibile per ottenere un mondo migliore....Di sicuro conoscerete la famosissima "Chanson de Roland" In cui si parla del valorosissimo condottiero Orlando che perde la propria vita durante la battaglia di Roncisvalle per difendere il proprio re, Carlo Magno! Penso sia il mio racconto preferito! Sorrido dolcemente mostrando una certa preoccupazione in viso: Perdonatemi mia Signora, probabilmente trovate i miei discorsi insignificanti e noiosi....ma vedete io credo ancora in quegli ideali! Sono stato a Gerusalemme per tener fede a quegli ideali...ma questa è un'altra storia con la quale non vorrei tediarvi. Intanto mi ritornano alla mente le immagini di quella magnifica città in mezzo al deserto per la quale innumerevoli nobili e valorosi cavalieri hanno donato la propria vita.


Isabella Este

  • General group
  • Hero Member
  • *
  • Posts: 812
  • Honour: 1
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #51 on: 25 January, 2016, 11:57:50 AM »
Conosco la Chanson de Roland Sir Alessandro, me ne fece dono di una copia tanto tempo fa, un amico che, anch'egli come Voi, traeva ispirazione di vita da quelle gesta.

Ahimè ai giorni nostri quei valori di lealtà, d'onore e di eroismo incarnati dal virtuoso Orlando, non van più di moda .... oggi a guidare i cosiddetti "Cavalieri" che talvolta vestono persino gli abiti di Magni Sovrani, è il conio e la vanagloria e potrei raccontarvi la Storia di Orlando al contrario per quante di codeste persone, ebbi la sfortuna d'incontrar nel mio cammino.

Sono tuttavia onorata e lieta che ancora qualcuno si riconosce in quelle antiche Virtù e son certa che avrete modo di metterle a disposizione del nostro Sovrano.


fece Isabella sorridendo al D'Altavilla

A parlarmi di Voi furono le nostre Guardie che tutto riferiscono al proprio Vassallo... non parlarono né bene e né male di Voi... si limitarono a riferire la Vostra presenza sul suolo Italico. Sta a Voi Sir Alessandro dar  oggi prova di Voi stesso...


" Il mio segreto è una memoria che agisce a volte per terribilità"

(RIP) Lorenzo De Medici

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 2
  • Honour: 0
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #52 on: 25 January, 2016, 08:58:04 PM »
Ciao,

Direi che molte città sono la mancanza di personale, giudici, professori arma o università ect ...

In alcune città, i prezzi sono di gran lunga troppo sollevano, essere persone mettono i loro prodotti in vendita sono molto costosi per tornare ricercato (a causa del peso trasportato).

Essa dovrebbe inoltre assunto persone che vanno vendere risorsa che la città non ha perché troviamo il legno in vendita in una città che ha un trapano.

Scusate se non parlo italiano, ma rimango a vostra disposizione.

I miei distinti saluti

Lorenzo De Medici

Isabella Este

  • General group
  • Hero Member
  • *
  • Posts: 812
  • Honour: 1
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #53 on: 25 January, 2016, 10:44:29 PM »
Un Paggio consegnò ad Isabella una missiva

Quote
Ciao,

Direi che molte città sono la mancanza di personale, giudici, professori arma o università ect ...

In alcune città, i prezzi sono di gran lunga troppo sollevano, essere persone mettono i loro prodotti in vendita sono molto costosi per tornare ricercato (a causa del peso trasportato).

Essa dovrebbe inoltre assunto persone che vanno vendere risorsa che la città non ha perché troviamo il legno in vendita in una città che ha un trapano.

Scusate se non parlo italiano, ma rimango a vostra disposizione.

I miei distinti saluti

Lorenzo De Medici

Il Vassallo dopo aver letto la pergamena la riconsegnò al Paggio e gli disse di portarla nel suo studiolo, dopo il ricevimento avrebbe risposto al De Medici
" Il mio segreto è una memoria che agisce a volte per terribilità"

(RIP) Alessandro D'altavilla

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 10
  • Honour: 0
  • Ex Flammis Resurgo
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #54 on: 26 January, 2016, 02:46:28 PM »
Ascolto con molto piacere le parole della giovane principessa, ammetto che è molto bello parlare con lei...il suono della sua voce è molto melodioso e soffice! Sembra quasi di star ascoltando il fruscio emesso dalla seta più pura! Non chiedo di meglio mia Signora e sono ancora più felice di sentirvi dire che il nostro buon Re apprezza determinate qualità! Non poteva essere altrimenti... il popolo ama il suo Re che lo guida verso la prosperità e la pace. Venendo al castello non ho fatto altro che incontrare persone felici di essere qui questa sera ma non per il semplice fatto di essere invitati al ricevimento quanto per la gioia di poter incontrare il loro sovrano, per dimostrare il loro affetto e la loro gratitudine! Dico guardando negli occhi la donna, facendo un sorso di vino rosso che scendeva fresco nella mia gola. Ha un sapore squisito, quasi fruttato, forse provenienti dalle migliori botti del castello. Poi sentendo il dire della principessa riguardo alla mia persona continuo: Oh le vostre guardie fanno un lavoro eccellente mia Signora e per quanto riguarda la mia persona, posso dirvi che ero un cavaliere, sono stato in Terra Santa per alcuni anni della mia vita lasciando il mio casato, le mie terre, a mio fratello Giovanni, fino a quando non mi arrivò a Gerusalemme la terribile notizia della sua morte e della confisca di tutte le proprietà della mia famiglia... Faccio una piccola pausa come per scegliere le parole giuste... Sono venuto qui ad Urbino per offrire i miei servigi al Re, per cercare di riacquistare quel titolo nobiliare toltomi con tanta viltà nella lontana Sicilia. Servirò il mio nuovo Re fino alla fine dei miei giorni se vorrà accettare i miei servigi! Spero di non aver osato troppo al cospetto della principessa, di non aver superato quel limite di cortesia che impone l'etichetta. Così continuo provando ad alleggerire la portata del nostro discorso: Posso farvi compagnia durante questa squisita sera mia Signora? Un ampio sorriso sincero e cortese si apre sul mio viso aspettando una risposta, sperando sia affermativa. Intanto nella grande sala tutti continuano a divertirsi mentre aspettano il proprio Signore.


(RIP) Oddantonio Montefeltro

  • General group
  • Full Member
  • *
  • Posts: 169
  • Honour: 0
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #55 on: 26 January, 2016, 07:50:30 PM »
Oddantonio congedatosi dal "lavoro d'officio" che lo aveva impegnato per buona parte della giornata, stava accingendosi a lasciare il suo studiolo. Indossava un vestito rosso di velluto e seta con ricami color dell'oro. Una pelliccia d'ermellino gli adornava le spalle. Ragguagliato dell'arrivo di tutti gli ospiti attesi, cinse il capo della ferrea corona e fece il proprio ingresso presso la sala designata a far da cornice a questo storico evento. Era uno splendore: la luce di centinaia di piccole lanterne rimembrava una volta stellata, mentre i rami di abete con cui erano addobbate le pareti rassomigliavano una foresta. Lo sguardo attento ma che rivelava grande stanchezza, si fermava quindi sui presenti. Molti erano volti noti, alcuni erano stati elevati per suo volere alla dignità nobiliare, altri erano figure del Governo del Regno, mentre alcuni erano i nuovi germogli di quell'antica quercia che ora aveva nome Regno d'Italia. Fra i molti volti riconobbe inconfondibile quello di Isabella Este. Il Montefeltro ripensò al tempo speso assieme alla guida del fu Regno di Urbino. Lei era certamente una di quelle persone nelle quali ci si imbatte quando la vita vuole farti un regalo. Scorse poi il Principe Doria, il Duca Nunzio Borgia ed il nuovo pontefice, Anselmo III. Sorrise loro e, con dei cenni del capo, restituiva il saluto a coloro che ne incrociavano lo sguardo. Avanzò verso il proprio posto ed ivi ruppe il silenzio.

Finalmente è spuntato il graditissimo giorno in cui Ci fu concesso di gioire nuovamente della vostra assidua presenza. Non appena entrammo in questa sacra stanza in cui siete convenuti per Nostro invito, siamo stati assaliti da tale ardente amor paterno, da tale sentimento di letizia che a stento avremmo potuto trattenere le lacrime. Dunque sono trascorsi i tempi delle Nostre crudelissime sventure: riuniti sotto i vessilli d'Italia dopo una dolorosa separazione, per benignità del fato e volere del popolo Noi abbiamo cinta la testa della ferrea corona ed impugnato lo scettro che Ci impegnamo a reggere con sicurezza e dignità; Voi figli d'Italia, sottoposti spesso ad ogni vessazione da parte degli iniqui, finalmente siete di nuovo stretti al Nostro fianco. E sebbene non sia ancor giunto quel fausto giorno nel quale Ci sarà dato di abbracciare con paterno affetto tutti i popoli della penisola, tornati all’unico ovile, tuttavia vediamo con gioia che non pochi figli di questa terra, i quali, avendo riconosciuto questa antica corte come la rocca dell'italica unità, perseverano con somma tenacia nel difendere e stabilire questa stessa unità.

Non vogliamo più dire, per lo innanzi, quello che dicono i poeti, ovvero che La Fortuna è cieca e per questo Ella, i beni di cui essa è dispensatrice, a caso e sprovvedutamente dona a chiunque l'è più vicino senza veder chi è quel tale che li riceve et se è di loro meritevole o altramente, perocché Ella avendone a Noi con piena mano dati per lo addietro de' più cari et copiosi, nuovamente ancora ella con sollecito passo incontro venendoCi, delle sue più preziose cose Ci fa dono e più abbondevolmente che mai, poiché giunse inaspettata presso questa corte la graditissima visita di Anselmo III "il restauratore", Summus Pontifix della chiesa teologica, sicché vogliamo credere che ella abbia occhi e maraviglioso giudicio sopra gli umani avvedimenti. Abbiamo dunque il grandissimo onore, in questa faustissima occasione, d'avere riunita presso quest'alma città, un tempo piccola realtà ed oggi Capitale del Regno d'Italia, non solo la nobiltà ed i più meritevoli fra 'l popolo, ma di poter beneficiare della presenza di Tiziano Fieschi II, al mondo noto come Anselmo III, sommo Pontefice della chiesa teologica e di presentarlo al popolo del Regno d'Italia.

Poiché questo è un giorno di festa, figlioli del Regno d'Italia, godete della Nostra ospitalità, di più: sentitevi come i figlioli che visitano la casa del padre.
« Last Edit: 26 January, 2016, 08:04:28 PM by Oddantonio Montefeltro »

Ippolito Ferrucci

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 6
  • Honour: 0
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #56 on: 27 January, 2016, 09:53:08 PM »
Con un ritardo pari a quello d'una sposa prima d'arrivar all'altare, finalmente il Re Oddantonio fa ingresso nell'immensa sala di Palazzo. Un uomo vestito di tutto punto e che confermava il suo status di regnante anche avanzando solamente senza proferir parola. Poi il silenzio vien rotto e l'ascolta con attenzione.

"Giusto...giusto..." Commenta tra se e se l'orazione, pur non disdegnando d'accostarsi lentamente ad una gentil donzella continuando ad annuire..

"Ha proprio ragione...non è vero?" Sorridendo alla giovine signorina alla quale rivolge un sorriso ponendole quella domanda solo per attaccar bottone.

Donzella: "Mmm...Si.. si avete ragione..." Intimidita replica arrossendo e rivolgendo un sorriso all'uomo che non tarda a presentarsi

"Mastro Ippolito Ferrucci madonna....spero di non avervi importunato, ma non ho potuto far altrimenti..." Continuando a provarci spudoratamente con un elegante baciamano..


[I due insieme non distolgono lo sguardo dagl'avvenimenti e dal procedere della festa]
« Last Edit: 27 January, 2016, 09:54:58 PM by Ippolito Ferrucci »

(RIP) Foculatesta Da Grandiagroi

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 6
  • Honour: 0
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #57 on: 28 January, 2016, 06:25:36 PM »
Dopo aver avvertito il mio Signore Barone di quello che mi era accaduto, egli mi disse che avrebbe provveduto a farmi recapitare dei vestiti adatti all'occasione la mattina successiva alla locanda dove alloggiavo. Così, lo ringraziai, presi congedo da lui e ritornai alla mia locanda. Arrivai a notte inoltrata e mi gettai sul letto tentando di prendere sonno, ma quella notte fu un sonno molto agitato per l'eccitazione del mio animo. La mattina presto senti bussare alla mia porta: "Messere FocuLaTesta da GrandiAgroi, sono l'aiutante Giovannino vi sono arrivati i vestiti dal vostro Signore, posso entrare?"; "certo" dissi alzandomi velocemente letto: "Giovannino posate tutto sul mio letto e vi ringrazio della cortesia", così allungai 10 monete di rame verso l'aiutante locandiere e lo congedai. Appena richiuse la porta dietro di se, osservai con molta cura l'abito mandatomi dal mio Signore. Esso era un abito molto elegante con molti merletti, adatto perfettamente alla situazione. Infatti non era ne troppo sfarzoso e ne troppo semplice e mi calzava a pennello. La mia giornata passò come le altre lavorando i miei terreni in quel periodo stavo coltivando Fiori. Così finalmente la sera mi ritrovai all'entrata del castello tutto agghindato e molto nervoso. Appena entrai subito venni annunciato come un nobile, in confidenza ne fui molto orgoglioso, "Vi presento Messere FocuLaTesta da GrandiAgroi" disse l'annunciatore una buona parte degli invitati si volto verso me senza proferir parola ed io varcai la soglia. Tutti conversavano nella sala, io mi guardai intorno e rimasi stupefatto di tutto quello sfarzo; grossi arazzi pregiati a muri, statue a grandezza d'uomo di epoche diverse, inoltre al centro della sala vi era un enorme tavolata di roba da mangiare e da bere. Presi una coppa di vino e mi avvicinai al mio Signore, anche lui era stato invitato, e stava conversando con un gruppo di persone. Mi presentai e mi unì alla compagnia, anche se dentro di me mi sentivo fuori posto. Ma il mio Signore mi fece subito sentire a mio agio, aiutandomi nell'entrare nella conversazione. Così quella sera fu la mia prima volta a palazzo reale e la mia prima ad una festa nobile. 
« Last Edit: 29 January, 2016, 10:21:09 AM by Foculatesta Da Grandiagroi »

Anna Grimaldi

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 12
  • Honour: 0
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #58 on: 28 January, 2016, 08:41:13 PM »
Dopo molte giorni passate in preghiera al basiliche di Urbino e Firenze, Anna ricorderà che ha ricevuto una invitazione a Palazzo Reale, una grande onore per lei... ma a quale non ha potuto pensare fin adesso perché il suo animo era anche pieno di lacrime e lutto per tutti suoi conosciuti qui hanno spariti  e tutte grande perdite sofferte di grande Valacchia  anno precedente...
In un giorno quando la preghiera era intenso Anna ha avuto impressione che un angelo vola sopra dicendo:
- Cara Anna dopo tutte perdite e sofferenze, tu hai avuto una grande opportunità di incontrare persone meravigliose quale ti hanno fatto di rimanere a queste terre, devi ringraziarla...
In questo momento Anna ritornerò al realità e con la speranza che non è più tardi, così come era  partì a Palazzo...
Per fortuna ha potuto entrare al tempo  e con timidezza ha riuscito aggiungere al posto dove Principe Doria e Sua Maestà il Grande Re d'Italia  presiederono l'incontro... Con un grande rispetto Anna ha fatto una grande reverenza e disse:
- Caro Principe Doria e Vostra Maestà  vi ringrazio con tutto animo per tutto che avete fatto per me e per mio popolo...
Tra le lacrime e emozioni Anna guarderà faccia di tutti amici....


(RIP) Orione de' Medici

  • General group
  • Baby Member
  • *
  • Posts: 11
  • Honour: 0
Re: [GDR Chiuso] Gran Ricevimento Reale
« Reply #59 on: 29 January, 2016, 08:28:56 PM »
Ormai il salone è una bolgia di invitati. Quasi non si riesce a muoversi se non lungo i lati, vicino alle pareti. Ma questo non mi è sgradito, perchè i succulenti assaggi sono tutti lì. Ancora non ho incontrato nessuno di mia conoscenza diretta; mi aspettavo di trovare Bartolomeo Visconti, il mio Vassallo, ma deve aver avuto qualche intoppo per non essere ancora arrivato, oppure è da qualche parte quì e non sono ancora riuscito ad incontrarlo.
Vorrei andare a fare i miei omaggi a quel'Angelo vestito di azzurro.... Isabella d'Este, dalla quale ho ricevuto delle missive organizzative, ma che non avevo mai avuto il piacere di incontrare. Purtroppo è sempre circondata da una nuvola di pantaloni.... nobili, e non mi piace andare ad infilarmi in mezzo a cotanta nobiltà. Ci sarà occasione per incontrarla... prima che la festa finisca.
Il Re è arrivato, con il suo stupendo mantello rosso bordato d'oro e il collo di ermellino, almeno credo.
Come sempre ha attorno una notevole scorta di Guardie Reali, come è giusto che sia.... non si sa mai.

Molti invitati si sono già seduti ai tavoli, ma ancora di più sono in piedi a gruppetti a parlare e farsi i complimenti reciproci.... per gli abiti, per la carriera e per chissà cosa.
Vorrei andare a sedermi vicino a qualcuno di mia conoscenza, ma... vediamo se riesco a trovare un posticino vicino a qualche altro Capitano delle Guardie. Vediamo.... vediamo....