Author Topic: Dieta Romana  (Read 9467 times)

(RIP) Berton Berton

  • General group
  • Hero Member
  • *
  • Posts: 1471
  • Honour: 0
Re: Dieta Romana
« Reply #30 on: 15 August, 2015, 10:00:09 PM »
Berton fece un piccolo gesto di apprezzamento per le parole dell'amico.

"Debbo dire che tutto quel gran parlare di una presunta usurpazione del trono romano è assolutamente mistificatorio.
Ben argomentato, non c'è che dire, secondo la tradizione di una scuola di legulei più amanti del cavillo che del vero.

Ho combattuto anche io nella precedente guerra italica, spalla a spalla col Montefeltro, e lui non ne era il condottiero indiscusso o più autorevole. Il contingente Aragonese venne mobilitato su richiesta di James Balliot, re di Savoia, e nel "nostro" schieramento figuravano anche altre teste coronate. Tutti costoro concorsero a dettare il successivo assetto romano, e nessuno di costoro, o di quanti sono a loro succeduti, ha avuto da ridire sull'incoronazione di Re Palmerino.
Quell'assemblea, ente collettivo in sé immortale, ne ha ratificato l'ascesa al trono col proprio silenzio assenso, e non compete certo ad uno dei suoi membri proclamarsene erede esprimendo, lui solo, volontà contraria."



(RIP) Ruggiero di Lauria

  • General group
  • Jr. Member
  • *
  • Posts: 82
  • Honour: 0
Re: Dieta Romana
« Reply #31 on: 15 August, 2015, 10:07:24 PM »
La questione del trattato è una buffonata sostenuta dal solo Duca per i suoi biechi e sporchi affari!
Disse Ruggiero alzandosi in piedi

Amico mio pronunciò il Capitano rivolgendosi a Prometeo Le vostre parole sono sagge, ma temo che purtroppo stiate valutando il Duca di Urbino in modo eccessivamente positivo. Io ho enorme rispetto per voi ma siete un ingenuo se credete che Oddantonio possa mostrarsi saggio. So per certo che nulla più desidera che scacciare il nostro amato Sovrano dalla Penisola Italica. So per certo anche che ambisce a governare sulla penisola. Vuole Roma e ci minaccia da tempo! Da solo è come un lupo sdentato che ci ringhia addosso: innocuo. Ora però è riuscito a mettere contro di noi una coalizione creando un pericolo questa volta reale.
Io non voglio la guerra, non la desidero, ma mai mi inchinerò a Oddantonio e mai permetterò che il mio legittimo sovrano davanti al quale feci solenne giuramento venga allontanato da Roma. Sono un cavaliere e uomo d'onore e terrò fede ai miei giuramenti!
Non penso sia giusto che il regno più popoloso e potente d'Italia debba inchinarsi alla volontà di un regno morente e in decadenza.
Signori miei, amici, oggi Roma è così florida mentre Urbino, Siena e Milano sono popolate da morti e tombe, questo dovrebbe indurci a riflettere sulle capacità di ogni regnante e dei suoi collaboratori. Non sono disposto a vedere Roma nelle mani di un incapace. Tutti noi abbiamo dato l'anima per ricostruire Roma e nessuno di noi vuole vedere i propri sforzi divenire vani.


Il Marchese fece una breve pausa

Se il Duca vuole la pace, ben venga! Sono disposto a perdonarlo, ma non alle sue condizioni! Innanzitutto venga a Roma a incontrare il nostro Sovrano personalmente, non abbia paura del confronto!
In secondo luogo, anche io penso che un Italia unita sia più forte, ma unita sotto Roma, unita sotto il nostro Re, perchè è l'unico che ha le capacità di portare questo ambizioso progetto al successo. Il nostro sovrano ha ricostruito un regno distrutto e lo ha reso il più popoloso d'Europa e il più potente d'Italia. Urbino era potente un tempo, oggi non è che un ombra del passato, probabilmente il duca ha perso l'antica forze, forse l'età ha annebbiato le sue capacità, questo non so dirlo, so solo che il suo è un regno morente e decadente. Inutile anche solo pensare al Doria, che di regni ne ha distrutti ben due attento solo ad arricchire le sue squallide tasche. Il Borgia poi non è che un essere senza spina dorsale.

Cari amici, per me solo due soluzioni sono ammissibili se vogliono mantenere la pace:
O rinunciano alle loro sciocche pretese, tornano a gestire quei cimiteri chiamati regni, lasciando inalterato lo status quo oppure vengono a Roma a consegnarci le loro corone... In cambio gli verranno tributati grandi onori e la storia li ricorderà positivamente.

Al di fuori di queste opzioni qualsiasi altro patto che preveda l'allontanamento del nostro Sovrano o condizioni umilianti per il Regno per me è inaccettabile, meglio la guerra, meglio la morte!

Prometeo Cagliostro

  • General group
  • Full Member
  • *
  • Posts: 157
  • Honour: 0
Re: Dieta Romana
« Reply #32 on: 16 August, 2015, 10:11:53 AM »
"Caro amico mio, e' lampante per tutto il mondo che le motivazioni addotte da Urbino per rivendicare Roma non abbiano alcun basamento storico/politico e sociale credibile... Sarebbe come se Re Henri di Francia abdicasse e Urbino rivendicasse oggi quel trono perché ai tempi dei tempi loro avevano aiutato il buon Re Baliano, semplicemente ridicolo.  Se Urbino ci attaccasse senza aver proposto accordi equi l'intera comunità internazionale non avrebbe dubbi su chi sarebbe l'aggressione e chi la vittima: un attacco pretestuoso solo per indebolire un regno vicino che sta prosperando e rappresenta un ipotetico pericolo, giustificato solo da milioni di caratteri scritti in linguaggio aulico che, ahimè, non contengono invece alcuna prova concreta di diritto alcuno.
Roma ai romani con a capo Re Caracciolo e su questo non si transige, ma se Urbino, come voglio credere, e' così lungimirante  e non vuol rischiare di essere tacciato come Regno usurpatore, proponesse un accordo equo io penso che dovrebbe essere preso in considerazione dal Governo Romano. Insomma, tutto il possibile prima di arrivare ad una guerra che logorerebbe inevitabilmente tutti ma che ci vedrebbe protagonisti fino alla morte."

(RIP) Giovanni Bentivoglio

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 479
  • Honour: 0
Re: Dieta Romana
« Reply #33 on: 16 August, 2015, 12:10:24 PM »
Il Barone ascolto il suo Amico Prometeo parlare più volte, e approvava tutte le parole usate.... solo dei dubbi su la moralità di Oddantonio gli riempivano la testa... come  poteva quest'uomo tornare a ragionare se aveva appena rivendicato Roma? Un uomo che stava mettendo su una guerra che sarebbe durata anni, e che non avrebbe avuto vincitori? Una guerra che avrebbe impoverito tutti i regni, anche loro che volevano usare il ferro per il proprio lucro! Ahimè credo sia poco possibile che Oddantonio risani di mente... dovevamo solo aspettare!

Il Barone ascolto anche il Barone Berton, e il capitano della guardia parlare... come era possibile che il mondo sapeva che Urbino non aveva alcuna rivendicazione al trono romano, mentre un solo uomo sapeva il contrario... questo lascio il Bentivoglio riflettere, prima di riprendere parola...

(RIP) Karmilw Al-Dharna

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 456
  • Honour: 0
  • Wyrd bið ful aræd
Re: Dieta Romana
« Reply #34 on: 16 August, 2015, 12:41:41 PM »
Concordo con voi, la pace deve essere seguita fino all'ultimo, ma se un sovrano rivendica la capitale di un Regno sovrano a quale compromesso si potrebbe mai arrivare? In questo caso Kifo kwa Arrigo, cioè Morte ad Arrigo, tiranno italo-greco che impoveriva e paganizzava Cirene finché Ugone il Grande non liberò e fece prosperare il regno africano.  Quindi come diciamo oltre mare Kifo kwa Arrigo , poiché si adatta splendidamente

(RIP) Ernesto Malatesta

  • General group
  • Full Member
  • *
  • Posts: 223
  • Honour: 0
Re: Dieta Romana
« Reply #35 on: 16 August, 2015, 12:45:43 PM »
mi alzai e intervenni

Signori
Le parole di Prometeo e di Berton, trovano il mio consenso, è vero, non posso immaginare che Oddantonio sia così leggero, dal preferire il ferro, alla stretta di mano, mentre il mondo ci guarda e osserva il momento opportuno

immaginate, come se, prima di una Battaglia, la mano destra e la mano sinistra, colpissero il corpo che gli sorregge


è poco saggia, la ricerca ossessiva a tutti i costi, di un sogno che porterebbe tutti allo sfascio, mentre il resto del mondo, attende il momento opportuno per finire la sua preda

sono quasi certo, che il Papa, riporterà buone nuove
e poi se il Papa dovesse tornare con un nulla di fatto, ma solo con confini neutrali per Roma, penso che ai romani andrebbe più che bene

il punto fermo è "Roma e il suo Sovrano Non si toccano"
per il resto, possiamo fare tutto quello che vogliamo


mi accomodai, incrociando le mani sul ventre
« Last Edit: 16 August, 2015, 01:04:37 PM by Ernesto Malatesta »

(RIP) Karmilw Al-Dharna

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 456
  • Honour: 0
  • Wyrd bið ful aræd
Re: Dieta Romana
« Reply #36 on: 17 August, 2015, 12:54:52 PM »
Mentre Ernesto parlava Adil era andato a prendere una bottiglia,  che poi fu data in mano al parroco

Signori e Maestà,  questa bottiglia di vino cireno è un omaggio mio a tutti voi. L'ho chiamato Botticello ,  la sua uva è  stata coltivata e macinata da me medesimo. Che ne dite ? In attesa del Santo Padre ne volete assaggiare un goccio?

Gualtieri Colapesce

  • General group
  • Hero Member
  • *
  • Posts: 1389
  • Honour: 0
  • Vina dant animos
Re: Dieta Romana
« Reply #37 on: 17 August, 2015, 04:13:10 PM »
Un forte brivido attraversò il corpo di Palmerino.

Fu come svegliarsi da un incubo.

Cosa gli era successo? Che strana sensazione. Si era assentato dalla discussione, aveva vagato con il pensiero, pur continuando ad ascoltare distrattamente ciò che dicevano i suoi amici.

Cercò di ritrovare la concentrazione. Pensò tra sè: "Nunzio Borgia, sei stato tu? Sei entrato nella mia mente? E' allora vero quello che dicono sul tuo conto? ".

Poi riprese velocemente i sensi, si guardò intorno e riconobbe il Conestabile di Aragona.

"Baron Berton, che piacere vedervi! Sono contento che abbiate ricevuto il nostro invito. Sapete bene che gli aragonesi sono nostri fratelli, ed è importante per noi conoscere la vostra opinione su ciò che sta accadendo. Che nuove ci portate dalla Spagna?".





(RIP) Berton Berton

  • General group
  • Hero Member
  • *
  • Posts: 1471
  • Honour: 0
Re: Dieta Romana
« Reply #38 on: 17 August, 2015, 08:48:35 PM »
"Le terre iberiche sono prospere e sicure, Maestà, nel segno di una reciproca collaborazione senza invidie che mai è venuta meno. Un assetto che pareva prossimo a realizzarsi anche da queste parti, devo dire, se l'Invicta non fosse stata affossata dal suo stesso creatore. E' invero curioso che tanta lungimiranza e tanta miopia siano albergate nella stessa persona, ma lasciamo pure che siano medici e speziali a meditare su tale stranezza. Reputo più urgente riflettere su altro"

Fatto spazio sul tavolo, Berton vi srotolò una mappa che aveva con sè, fissandola agli angoli col bicchiere proprio e quelli sottratti ai vicini.

"Questa carta non è aggiornatissima, non vi è segnato il castello che ci ospita e probabilmente mancano altri dettagli a voi noti, ma in prima approssimazione potrà bastare ai nostri scopi. Proviamo a metterci nei panni dei possibili avversari e ad intuirne le mosse. Se io fossi alla guida di un'armata ostile, probabilmente seguirei questo percorso - disse muovendo un dito sul foglio - fintando un attacco qui, per poi invece colpire qua! - punti segnalati con due ditate - Forse le cose non andranno così, ma una strategia del genere non deve trovarci impreparati."

(RIP) Giovanni Bentivoglio

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 479
  • Honour: 0
Re: Dieta Romana
« Reply #39 on: 17 August, 2015, 10:03:27 PM »
Il Barone Centivoglio ascoltava le parole del Barone Berton -Si Barone! Con attacchi combinati di questo genere, potrebbe fare molti danni ai nostri nemici soprattutto a Siena, e se la Sicilia si rendesse neutrale anche ad Urbino! Altrimenti dovremmo partire da quest'altro fronte, che da alcuni ricognitori so che è scoperto! - il Barone si zitti fissando la mappa,e poi riprese - Però prima di fare tante strategie, occupiamo il nostro tempo per decidere il da farsi, credo che tutti i presenti della sala siano d'accordo tra di loro me compreso! E' giunto il momento di scrivere su carta le nostre condizioni, condizioni eque no come quelle che pretendeva Urbino! Il Barone si fece portare carta e pennino e inizio a scrivere... la sua scrittura tanto attenta venne interrotta da un forte tik tok alle porte della sala...Chi è alla porta? ... rispose il Barone, che aprendosi spunto un uomo con abiti militari, capelli neri lunghi e alcune cicatrici sulla guancia destra, i presenti non sapevano chi lui fosse, poichè gli abiti non erano della legione romana, l'uomo rispose -Mio Signore, ho delle notizie dalla lontana Milano, i miei contatti mi riferiscono che il re di Milano ha proclamato un editto! Ha chiuso le frontiere milanesi, nessuno può passare più per Milano e questo non è il peggio... il Barone con scatto veloce - Dimmi mio fidato braccio destro, cos'è il peggio che Borgia possa fare? - Il re di Milano ha riconosciuto la religione pagana a quella teologica! - il Barone rimase zitto per dei secondi, poi ringrazio il suo fidato uomo, che lascio la sala...

Bhè credo che devo aggiungere qualche punto alle condizioni da presentare ad Urbino e altri regni italici! - Il Barone finito di scrivere passo il documento agli altri presenti in sala, dove c'erano scritte le condizioni di pace:

Alle presenti condizioni, Roma considederà il regno di Urbino con suo re Oddantonio Montefeltro, regno di Siena con suo re Cristiano Doria, regno di Milano con suo re Nunzio Borgia, regno di Venezia con suo re Battista Auditore, regno di Sicilia con sua regina Morgana Chiaramonte, regno neutrali al regno di Roma con suo re Palmerino Caracciolo.

1. Alla firma di tale trattato i regni in questione opporranno senza ripensamenti alcuni lo status di neutralità con il regno di Roma, e viceversa. Tale status potra cambiare in base alle richieste del reggente del regno, con eccezione dello status ostilità.
2. I regni suddetti riconosceranno pubblicamente la sovranità del popolo romano sulle regioni di: Roma quale capitale del regno, Napoli, Salerno, Benevento, Cosenza, Corsica, Ferrara, Padova, Cremona. La regione di Mantua sarà mantenuta sotto i vessilli romani, ma con sovranità papale, e nessuno ne potrà richiedere la legittimità, a parte il regno di Roma se il pontefice volesse lasciarla.Inoltre i suddetti regni riconosceranno la sovranità del re Palmerino Caracciolo sul popolo romano.
3. Il regno romano non attaccherà mai i suddetti regni, i quali faranno altrettanto se non difendersi se attaccati.
4. I suddetti regni di Urbino, Siena, Sicilia, Venezia e Milano abbraccieranno la fede Teologica come Roma, scacciando la fede pagana per sempre dalla penisola italica.
5. Le suddette condizioni sono le basi per una futura e nuova alleanza dei regni Italici.

Se le suddette condizioni saranno rifiutate il regno di Roma si armerà, e si difenderà fino alla morte dai regni oppressori.


Amici miei, secondo me queste possono essere delle probabili condizioni da presentare ai regni oppressori, se volete aggiungere qualcosa, modificare o cancellare, fatevi avanti! Prima di chiamare un messo per consegnare questa lettera al papa dobbiamo esserne sicuri!

Ormai le cose si dilungano troppo, se è vero che Urbino cerca la pace come noi, accetterà queste condizioni, molte diverse dalle sue condizioni di pace!
Il barone fisso i presenti nella sala come se aspettasse delle risposte, e per ultimo fisso il re per il consenso finale!

(RIP) Karmilw Al-Dharna

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 456
  • Honour: 0
  • Wyrd bið ful aræd
Re: Dieta Romana
« Reply #40 on: 17 August, 2015, 11:21:01 PM »
Come guida religiosa di Roma, io accetto le suddette condizioni

(RIP) Riccardo Filangieri

  • General group
  • Full Member
  • *
  • Posts: 235
  • Honour: 0
Re: Dieta Romana
« Reply #41 on: 18 August, 2015, 01:57:08 AM »
Io, Conte Riccardo Filangieri,  in qualità di Vassallo di Ferrara, accetto le suddette condizioni!

(RIP) Ernesto Malatesta

  • General group
  • Full Member
  • *
  • Posts: 223
  • Honour: 0
Re: Dieta Romana
« Reply #42 on: 18 August, 2015, 02:19:30 AM »
mmmmh
lessi i cinque punti del trattato

mi sistemai meglio sulla sedia, ma non riuscivo a trovare una posizione comoda, il punto quattro, era come un sasso sotto la natica

capisco la voglia di ritrovare tutte le anime sotto un unico tetto, ma al momento credo che ritrovarci solo con i corpi sia un primo passo
per questo motivo
eliminerei il punto 4
il boccone rendiamolo meno amaro, quello di cui ora la penisola ha bisogno è un insieme di regioni Unite, non dobbiamo convivere in un nido di vespe, dobbiamo poter instaurare le basi per una convivenza pacifica e nella libertà di religione, come primo passo penso che tutti noi potremmo accettarlo

e poi Milano ha appena abbracciato una nuova fede, non vorremmo certo che si ricreda in così poco tempo, dategli almeno il tempo di capire quello che ha appena sposato, domattina dopo una notte insonne passata con Teos e la sua Ira, potrebbe anche ripensarci, d'altronde leggere le menti non significa necessariamente guardare lontano, ma solo guardarsi accanto


e presi il bicchiere che reggeva la cartina per sorseggiarne il vino che ne rimaneva all'interno, la cartina si arrotolò su quell'angolo, coprendo mezzo stivale, lasciando scoperta solo Roma e la zona sottostante
la guardai e

che triste mappa, facciamola respirare, apriamo quei confini ostili, abbattiamo quel pesante muro
 ma è possibile che i nostri confinanti siano così Orbi, nel non vedere il fiume di opportunità che si potrebbero presentare? è proprio vero, l'oscurantismo di questo momento storico, è palpabile e ha dei volti, indossa corone intrise di appiccicosa avidità
cercate subito uno specchio, oscure figure, nascoste da un trasparente velo di menzogne


 la mano aperta
 l'appoggiai violentemente su Roma e stesi quell'angoli arricciato, la mano passo su tutto l'Oriente, accarezzando terre inesplorate e ostili, vi posai il bicchiere vuoto e osservai l'immenso spazio di opportunità che la penisola  italica era pronta...poteva essere pronta a raccogliere

(RIP) Karmilw Al-Dharna

  • General group
  • Sr. Member
  • *
  • Posts: 456
  • Honour: 0
  • Wyrd bið ful aræd
Re: Dieta Romana
« Reply #43 on: 18 August, 2015, 02:53:43 AM »
Avete forse perso il senno della ragione? Senza unica fede,  la Vera Fede come creare una coalizione tra i regni,  come appianare le divergenze e le differenze. Il punto 4 non si tocca solo la Vera Fede ci salverà!

(RIP) Ruggiero di Lauria

  • General group
  • Jr. Member
  • *
  • Posts: 82
  • Honour: 0
Re: Dieta Romana
« Reply #44 on: 18 August, 2015, 03:10:56 AM »
Concordo con il Conte, il punto 4 va eliminato. Signori bisogna essere pragmatici, per ora ciò che più conta è la pace, il problema religioso sarà bene affrontarlo in altro momento, possibilmente in un clima meno ostile