Author Topic: Matrimonio Fiammingo  (Read 4501 times)

Giulia Aldobrandeschi

  • General group
  • Hero Member
  • *
  • Posts: 2491
  • Honour: 1
Re: Matrimonio Fiammingo
« Reply #45 on: 06 July, 2015, 05:23:34 PM »
"Mia cara Regina, sono sempre onorato di ricevere le Vostre impressioni che spesso hanno illuminato il mio cammino. Sapete meglio di me che la diplomazia internazionale non si ferma mai e sono proprio queste occasioni, più o meno formali, dove sovrani e ambasciatori trovano terreno fertile per innescare intrighi o allacciare solide amicizie. Ecco, io voglio sperare che proprio in questo Palazzo, l'amore e la gioia che io e la mia promessa sprigioniamo possa fungere da ispiratore solo a durature alleanze fra popoli. Non temete per noi, disponiamo di arguzia e esperienza tali da consentirci di non farci strumentalizzare per scopi altri. Auspichiamo solo che i nostri amici si divertano e gioiscano con noi per la nostra unione, poi sarà Theos e la coscienza di ognuno a guidare il futuro dei nostri popoli".
[/quote]

"Vostra Altezza l'abito è incantevole e assolutamente perfetto per me. Incontrano il mio gusto sia il colore che il modello. Sono commossa dalle vostre attenzioni, Vi ringrazio infinitamente"

Annuendo lieta per i due promessi sposi lì congedò perché infine potessere cominciare il loro lungo viaggio verso Roma. Quanto a lei, tornò alla finestra e osservò lungamente il paesaggio.
I suoi pensieri vagarono lontano. Una scintilla brillò nei suoi occhi e allegramente disse a se stessa - E ora infine i preparativi per la battuta di caccia nelle Ardenne.
Non vedeva l'ora di lanciare Auster al galoppo e sentire il vento sul suo viso.




Verba movent, exempla trahunt - εἶ, γνῶθι σεαυτόν, μηδὲν ἄγαν

Prometeo Cagliostro

  • General group
  • Full Member
  • *
  • Posts: 143
  • Honour: 0
Re: Matrimonio Fiammingo
« Reply #46 on: 07 July, 2015, 03:35:33 PM »
Lasciato il Palazzo Reale i due promessi sposi si diressero di corsa verso le carrozze che li stavano attendendo, cariche di mille bauli ai quali Lady Pretziosa non aveva saputo rinunziare per il viaggio. "Ordunque mia cara", disse Prometeo con aria pseudo preoccupata "temo che sarò costretto a scendere e spingere la carrozza vista la quantità dei vostri bagagli.." e sorrise prendendo la mano della sua Lady. In realtà aveva notato l'espressione preoccupata e titubante della sua amata e aveva cercato così di smorzare la tensione. "Sapete che ho un rapporto molto stretto con la nostra amata regina ed Ella sovente mi confida le sue preoccupazioni. In realtà questi sono tempi molto pericolosi: venti di guerra si agitano ogni dove e bisogna stare attenti a non aizzare focolai che sembrano sopiti ma che in realtà non aspettano altro che una scusa per riaccendersi. Mi conoscete, io di carattere non sono un attacca brighe nè mi occupo di diplomazia e politica internazionale, figuratevi se ho timore di chicchessia..... ma il nostro viaggio richiede lo stesso un pizzico di attenzione che tuttavia non ci vieterà di goderci pienamente il nostro giorno più bello."
Con questa sintetica spiegazione Lord Prometeo sperava di aver tranquillizzato i timori e le ansie di Lady Pretziosa e al contempo di aver soddisfatto la sua curiosità femminile.

Christian Doria

  • General group
  • Hero Member
  • *
  • Posts: 503
  • Honour: 0
Re: Matrimonio Fiammingo
« Reply #47 on: 07 July, 2015, 05:58:15 PM »
Il Re di Siena lesse la pergamena due volte, perchè era rimasto basito da questa incredibile notizia. Si alzo di scatto e corse verso Cecilia, sorella di Pretziosa e la sua amata sposa.
Entrò trafelato nella camera e vide cecilia con una lettere in mano piangere di gioia.

"Cecilia, prepara i bagagli, andiamo incontro a tua sorella, e la scorteremo verso il suo matrimonio. Il matrimonio di tua sorella non può attendere."

Cecilia si alzo e lo bacio come era solita fare quando il suo sposo le dava notizie cosi gioiose.

diedero ordine ai servi di preparare i bagagli e i viveri per il viaggio.

Il Re andò dal tesoriere reale e gli disse di far preparare a tempo record il miglior diadema di tutto il regno da donare alla futura sposa e la migliore spada per donarla allo sposo di Pretziosa.

Fatto questo avvisò il capitano di preparare una nutrita scorta da mandare al loro seguito per difendere Cecilia e i promessi sposi. Non voleva che le turbolenze italiane disturbassero il matrimonio.


(RIP) Orso Björnsson

  • General group
  • Jr. Member
  • *
  • Posts: 76
  • Honour: 0
Re: Matrimonio Fiammingo
« Reply #48 on: 08 July, 2015, 10:27:57 AM »
Un messaggero era venuto alle prigioni cercando Orso con una missiva urgente, non trovando nessuno si reco alla sua casa, ma ancora di Orso nessuna traccia; si recò come ultima risorsa alla fucina, dove dopo aver messo un piede oltre l'uscio venne quasi aggredito da un agguerrito uccello predatore....Hela.
Il messaggero indietreggiò impaurito e fece per scattare a correre in direzione opposta quando andò a sbattere contro qualcosa che lo fece ruzzolare a terra.
Dal basso vide un imponente figura che lo osservava con un ascia bipenne appoggiata su una spalla.
"Eh tu chi saresti??" disse Orso, ma vide le insegne di Prometeo sugli abiti del messo.
"I-o...ehm...io ho una missiva per voi Lord Orso..."
"Lord Orso?!? Orso e basta, dovresti ben sapere che non voglio sentir titoli col mio nome"
"Scusate Lor....ehm...Signore.., ecco la missiva"
Orso aprì la ceralacca e lesse il messaggio... "AH! Prometeo si sposa!!! Povero amico!!!" e scoppiò in una risata fragorosa.
"Signore, aspetto la vostra risposta?" fece il messo
"No, partirò subito con te ed Hela, preparati"
"Anche ehm quel....volatile verrà Signore"
Il tono di Orso si fece duro "Qualche problema? Dove vado io, viene lei, fosse pure dal papa a Roma!"
"Ehm in effetti Signore...." ma il messo preferì non proseguire e scosse la testa rassegnato.
I due si avviarono cosi galloppando veloci alla volta di Brugge.


Heinrich Von Hohenlohe

  • General group
  • Jr. Member
  • *
  • Posts: 53
  • Honour: 0
Re: Matrimonio Fiammingo
« Reply #49 on: 08 July, 2015, 04:59:24 PM »
"Liege... è da parecchio che non visito tale feudo" pensò Heinrich osservando i bastioni del castello.

Oltrepassati i cancelli il comandante della guarnigione fece un inchino per poi rispondere di persona alla missiva che aveva ricevuto il giorno prima: "Sono spiacente Lord Heinrich ma Sua Grazia il Duca Lord Prometeo e la Duchessa Lady Pretziosa sono in viaggio verso Roma"
"Si, ne sono al corrente. Ho notato il loro corteo a Brugge.
Speravo di consegnare codesti doni di nozze di persona ma gli artigiani non sono riusciti a finire prima della loro partenza... Se possibile sarebbe mio desiderio collocarli nei quartieri privati, o quantomeno in un luogo sicuro del castello.
"

Ricevuto l'assenso dal comandante scese da cavallo chiamando due uomini della scorta affinchè aiutassero a trasportare i doni dal carro fino all'interno della fortezza.

I regali erano cinque in tutto e piuttosto leggeri: due per lo sposo, due per la sposa e uno per entrambi.

Conosceva bene Prometeo, specie dopo varie battaglie sostenute contro ribelli e contro duri avversari nell'est, e sapeva del suo gusto semplice e poco incline alle cose appariscenti eppure Heinrich aveva osato perseguire tale dono; almeno in apparenza.
Aveva chiesto ai migliori artigiani fiamminghi di Brugge di forgiarli uno scudo resistente, solido e leggero allo stesso tempo, su cui poi aveva fatto riportare lo stemma personale di Cagliostro.
Assieme allo scudo c'era poi un mantello di colore blu, proveniente dalle terre italiche, fatto foderare per l'occasione d'ermellino e con una spilla d'oro riportante anch'essa lo stemma del Duca.
Entrambi i doni avevano il fine più sottile di richiamare la simbologia degli oggetti, e del loro destinatario: per lo scudo la protezione fisica e spirituale nonchè la forza d'animo, così come per il mantello unito al colore blu, tipica colorazione di giustizia, fedeltà e spiritualità.

Per la sposa, su suggerimento della lettera avuta in risposta, aveva ordinato un cofanetto di legno a forma di scrigno con intarsi d'oro richiamanti orchidee; pianta alle volte utilizzata per rappresentare proprio l'amore e la sua capacità di crescere un pò ovunque.
Al suo interno vi era il secondo regalo per Lady Pretziosa: un girocollo di seta, proveniente anch'esso dai mercanti italiani, rosso porpora con un pendente d'argento raffigurante una mezzaluna e al suo interno un sole d'oro. Chiaro riferimento al giorno e la notte.

Per finire un regalo simbolo d'unione: un dittico.
Le due tavolette, legate da una cerniera di cuoio, erano state dipinte raffigurando da un lato lo sposo su un carro guidato da un amorino e contorniato da quattro virtù: Giustizia, Prudenza, Temperanza e Fortezza.
Mentre dall'altro lato, intenta ad incontrarlo, vi era la sposa su un carro sempre guidato da un amorino e attorniata sempre da quattro virtù: Fede, Speranza, Carità e di nuovo Temperanza.


Depositati i doni sullo studio personale del Duca, Heinrich si fece dare della carta su cui scrivere un piccolo appunto:

"E' con immenso piacere che porgo i presenti doni a Voi e alla Vostra nobile Dama.

Riguardo il luogo su cui sono stati depositati vi prego di non rimproverare il Vostro comandante poichè la colpa di avergli ordinato di entrare nei Vostri alloggi è soltanto mia.
Il Vostro amico
" e con un sorriso sulle labbra firmò:
"HvH"


Prometeo Cagliostro

  • General group
  • Full Member
  • *
  • Posts: 143
  • Honour: 0
Re: Matrimonio Fiammingo
« Reply #50 on: 12 July, 2015, 12:12:27 PM »
Pretziosa e Prometeo, freschi sposi, stavano affrontando il lungo viaggio da Roma alle Fiandre ripensando ai meravigliosi momenti trascorsi insieme prima e durante la cerimonia nunziale. Tutto era stato semplicemente perfetto: la cornice della Cappella Papale con il Sommo Pontefice in persona che si era prestato ad officiare la funzione, l'accoglienza riservata loro dalla gente Romana e dal loro Sovrano Caracciolo dal quale si erano da poco congedati, i tempi perfetti con i quali tutto si era svolto nel migliore dei modi. Ma soprattutto lei: Pretziosa, una donna affascinante e misteriosa, solare e discreta, capace di slanci di entusiasmo propri di una ragazzina. Lei era semplicemente raggiante e la sua felicità era contagiosa; non che Prometeo fosse da meno, ci mancherebbe, ma il sorriso stampato sulle labbra della Duchessa rendeva il viaggio leggero e piacevole.
Quando, ancora distanti da Brugge, Prometeo riconobbe dalla carrozza paesaggi a lui ben noti guardò intensamente la sua amata e disse:" Cara, non vedo l'ora di riabbracciare i nostri amici. Dobbiamo metterci subito al lavoro per i preparativi: tutto deve essere perfetto, ci saranno personalità provenienti da ogni dove... ma sono felice perchè con te al mio fianco sono certo che gli impegni e i problemi si trasformeranno in piacevoli avventure."