Author Topic: Communications to the Kingdom/Comunicazioni al Regno  (Read 1446 times)

(RIP) Ugone D'aquino

  • General group
  • Jr. Member
  • *
  • Posts: 80
  • Honour: 0
Communications to the Kingdom/Comunicazioni al Regno
« on: 22 November, 2014, 05:06:10 PM »
My dear friends and brothers,
    yesterday was a great day, a glorious day for the Kingdom and its people who chose a better life, though probably the fights are not over, we trust in Teos help, which already protected us and will continue to do so.
After the festivities of the night we can now start fully our work to improve the Kingdom.
First, I read the laws enacted yesterday, when the battle that has seen us victorious ended, which is why these first laws, which soon will be followed by a whole Code, are called "Lex Victoriae":
Quote
About Religion

The official religion of the Cyrene Kingdom is the Theological one, as it is taught by the Holy Roman Church.   

About Kingdom Enemies

Arrigo Lorentio Bolon-Isauricos and Sophia Isaurica are declared enemies of the Cyrene Kingdom because of the damages they caused ti its land and people.
They are obligated to leave the territories belonging to the Cyrene Kingdom and to not transit neither reside in them.
This law will enter in force on the 24th of November 1314 at 2:30 p.m. and it doesn’t expire.
The breaking of such a law is classified as D type, capital offence, and involves a maximum of 3 days of prison and 1000 silver coins fine. The penalty will be reiterated until the said enemies will go away from the Kingdom.

About Hostile Kingdoms

The Kingdom will confiscate items and goods that are in any Cyrene market and that belong to hostile Kingdoms’ citizens.
This law will enter in force on the 24th of November 1314 at 2:30 p.m. and it doesn’t expire.

Then I decree the removal of any title of nobility or office belonged to Arrigo Lorentio Bolon Isauricos, Sophia Isaurica and Hamilcar Beni Barca, while maintaining, at the opposite, titles and positions held by Alexios Doukas,  although he has been hostile to us in battle, because he showed the desire to understand if we are seriously working for the Kingdom before judge us like bandits.

I decree the appointment of my sister Morgana D'aquino, that so much has been active in helping this cause , to Vassal of Derne, also giving her the title of Princess of Cyrene.

In the next few days, with the help of Teos, I will proceed with other appointments.

Unfortunately, the old king took away with him the treasure and goods of the Kingdom, so we will grow slowly at first but soon we will become a great and powerful Kingdom, we will rise from the ashes we inherited.

Derne, November 22 A.D. 1314

Ugone  D'aquino
By the Grace of Teos and the will of the people, King of Cyrenaica




Miei cari amici e fratelli,
   ieri è stato un grande giorno, un giorno glorioso per il Regno e per il suo popolo che ha scelto una vita migliore, seppure probabilmente le battaglie non sono finite, noi confidiamo nell’aiuto di Teos, che già ci ha protetti e continuerà a farlo.
Dopo i festeggiamenti di questa notte possiamo oggi iniziare in pieno il nostro lavoro per migliorare il Regno.
Innanzitutto do lettura delle leggi emanate ieri, appena terminati gli scontri che ci hanno visti vittoriosi, per questo motivo queste prime leggi, alle quali farà presto seguito un intero Codice, sono chiamate “Lex Victoriae”:


Quote
Della Religione

La religione ufficiale del Regno di Cirenaica è quella Teologica, così come ci viene insegnata dalla Santa Chiesa di Roma

Dei Nemici del Regno

Arrigo Lorentio Bolon-Isauricos e Sophia Isaurica sono dichiarati nemici del Regno di Cirenaica per I danni causati da loro alla sua terra ed al suo popolo.
Hanno l’obbligo di lasciare i territori appartenenti al Regno di Cirenaica e di non transitarvi né dimorarvi.
Tale legge entrerà in vigore il 24 novembre 1314 alle ore 14:30 ed ha durata illimitata.
L’infrazione di tale legge è classificata di tipo D, offesa capitale, e comporterà un massimo di 3 giorni di prigione e 1000 monete d’argento di multa.
La pena verrà reiterata fino a che suddetti nemici non saranno più entro i confini del Regno.

Dei Regni Ostili

Il Regno confischerà merci e beni presenti in qualsiasi mercato della Cirenaica appartenenti a cittadini di Regni ostili.
Tale legge entrerà in vigore il 24 novembre 1314 alle ore 14:30 ed ha durata illimitata.

Stabilisco poi la rimozione di ogni carica o titolo nobiliare appartenuti fino ad ora ad Arrigo Lorentio Bolon Isauricos, Sophia Isaurica e Hamilcar Beni Barca, mantenendo al contrario titoli e cariche posseduti da Alexios Doukas, poiché egli, seppur ci è stato ostile in battaglia, ha il desiderio di capire se vogliamo sul serio lavorare per il Regno prima di giudicarci come banditi.

Stabilisco la nomina di mia sorella Morgana D’aquino, che tanto si è prodigata per aiutare questa giusta causa, a Vassallo di Derne, assegnandole altresì il titolo di Principessa di Cirenaica ed il ruolo di Ambasciatrice.

Nei prossimi giorni, con l’aiuto di Teos, procederò con altre nomine.

Purtroppo il vecchio Re ha portato via con sé il tesoro ed i beni del Regno, per cui cresceremo lentamente all’inizio ma presto diverremo un Regno potente e grande, risorgeremo dalle ceneri che abbiamo ereditato.

Derne, 22 novembre A.D. 1314

Ugone D’aquino
Per Grazia di Teos e volere del popolo, Re di Cirenaica
Ugone D'aquino
Marquis of Barca

(RIP) Ugone D'aquino

  • General group
  • Jr. Member
  • *
  • Posts: 80
  • Honour: 0
Re: Communications to the Kingdom/Comunicazioni al Regno
« Reply #1 on: 01 December, 2014, 05:36:11 PM »
Novus Codex Cyrenaicae

Quote from: English
All articles and laws contained in this code will come into force on the 4th of December 1314 at 5 p. m. and will not expire.
With the enactment of this Code any other law of the Kingdom is abolished, except the Leges Victoriae which remain an integral part of the laws of the Kingdom.

Art. I: On the Extent of the Offenses.

Any action that violates the law of the Kingdom of Cyrene may assume different levels of severity.
The offenses are classified into:
- Administrative Offences,
- Minor Crimes,
- Severe Crimes,
- Capital Offences.
a) Administrative Offences: fine up to 100 silver coins.
b) Minor Crimes: up to one day of prison and a fine up to 200 silver coins.
c) Severe Crimes: up to two days of prison and a fine up to 400 silver coins.
d) Capital Offences: up to three days of prison and a fine up to 1000 silver coins.
e) The Magistrate may impose as additional penalties compensation for the damage and/or banishment of the offender.
f) The Captain of the Guard has the right to confiscate goods and items in the Cyreneans markets belonging to the offender who doesn’t want or can’t pay the fine or the compensation. Also he has the right to confiscate the goods of those who are absent for more than 5 days and not in meditation. In case of returning the goods will be given back to them immediately.
g) The convicted who has been subjected to the punishment of exile will be placed in the list of the Enemies of the Kingdom and will have 12 hours to leave the boundaries. Otherwise the rules established by Leges Victoriae in the paragraph "About the Enemies of the Kingdom" will be applied. In addition the convicted is obliged to change his residence. If the condemned, maintaining Cyrenean citizenship, took refuge in the borders of other Kingdoms, the Magistrate will contact the local authorities in order to initiate legal cooperation.
h) Each process (or accusation) is immediately ended if the King of Cyrene speaks in favor of the accused.
i) The magistrate can increase the penalties established for each crime in the cases described in art. III.
l) For those who have up to 90 days of age the fine will be reduced by 50%.

Art. II. On the Process

Any citizen is a witness to the violation of any law or is a victim of criminal activity or that believes that has been treated unjustly, can contact the Magistrate presenting all the facts and evidence of the crime. If this evidences are considered valid, the Magistrate will begin a process for the accused.

Art. III: On the Aggravating Factors and the Recidivism.

Target: Everyone.

Each offense may suffer an increase of the sentence. If the defendant takes the following behaviors it will be considered as aggravating factor:
-  He refuse to cooperate with the Magistrate and who represents Justice (within the Kingdom) in general;
-  He doesn’t show up in the process after regular convocation by the Magistrate;
-  During the process, he refuses to answer the questions of  the Magistrate;
-  He falsify evidence or gives false statements;
-  He is recidivous for the same offense (repeatedly commit the same crime).

The refusal to cooperate with the Magistrate is considered an Administrative Offence;
The refusal to answer questions from the Magistrate and not show up in the process are Minor Crimes;
The falsification of evidences or false statements designed to prevent the normal development of the process or investigation is a Sever Crime.
Being convicted a second time for the same offense, whatever the crime committed, represent a Sever Crime. If someone is convicted a third time for the same crime, will be considered Capital Offence.

Art. IV: On the Fraud, the Speculation and the Manipulation of the Economy.

Target: Everyone.

a) It is an act of fraud dupe inexperienced buyers for profit by selling their goods, distorting use or value.
b) It is an act of speculation purchase goods at the city market and then resell them at a higher price, in the same market. Instead, speculation designed to generate a general rise in the price of one or more goods in order to produce damage to the entire kingdom, will be considered as Manipulation of the Economy.
c) It is an act of manipulation of the economy the use of citizens by third parties for subtracting workforce to the Kingdom in the presence of public-benefit activities such as construction of structures, collecting raw materials etc etc.

The offense of fraud is a Minor Crime, if committed by an organized group it becomes a Severe Crime.
The crime of Speculation is a Severe Crime.
The manipulation of the economy is a Capital Offence.

Art. V: On the Possession of Weapons and their Use.

Target: Everyone.

Within the Kingdom of Cyrene, in order to ensure safety, it is expressly forbidden to residents and non-residents, in peacetime, wear or grip weapons and armors of any type. Therefore, anyone will be surprised, in any of the regions that make up the Kingdom of Cyrene, to wear or hold weapons or armors, will incur in the crime above. Are exempted from this obligation the Constable of the Kingdom, the Captains of the Guard of the provinces and the Cyrenean nobles who wear armor and weapons as a badge of their rank.
If the Kingdom is under siege or in danger of raid, any citizen that has the necessary requirements to defend the Sovereign, the Kingdom, its people, their possessions, will be considered as part of the Royal Army. It will then be allowed them hold and wear armaments. The weapons will be provided to them by the Kingdom and will be returned to the Barracks at the end of the fighting in agreement with the Captain of the Guard.

Being in the Kingdom of Cyrene wearing or gripping weapons in peacetime, is considered a Severe Crime.
Do not return the equipment within the specified period, is a Sever Crime.

Art. VI: On the Illegal Exploitation of Resources, Misappropriation and Theft.

Target: Everyone.

It constitutes an act of illegal exploitation of the resources of the Kingdom each use of property belonging to the Kingdom (with the exception of farms) not authorized by the Sovereign or the Vassal of the Province perpetrated by a citizen of Cyrene.
Constitutes an act of misappropriation the purchase of goods at the price of 0.00 from a third person. If it is a non-resident to purchase, the offense will be considered theft.
Constitutes an act of theft every action made by non-residents which would divert resources without prior authorization of the Sovereign or hoarding of goods that may cause damage to the economy of the Kingdom. Who becomes stained of this crime, has 24 hours from the notification of the offense to provide a return to the person concerned (whether an individual or the Kingdom) or through an authority (King, Vassal of the Province, Guard Captain) the goods taken without permission.

The illegal exploitation of the resources of the Kingdom is a Minor Crime.
Misappropriation is a Minor Crime.
Theft is a Capital Offence.

Art. VII: On the Insult, the Defamation, the Threat and the Lese-Majesty.

Target: Everyone.

It is considered as an act of insult and / or defamation any assertion said, even with a third person, capable of causing shame sulling the honor of any citizen of the Kingdom of Cyrene.

Acts of insult, defamation and threat are of Minor Crimes.

If such acts are committed toward:
- Government Authority (whoever occupies a fundamental role)
- Religious Authorities
- Anyone with a Royal Appointment
- Noble
the offense will be considered Lese-Majesty, therefore will be considered Capital Offence.

Also, is an act of Lese-Majesty deliberately ignore the letters sent by the King.

Art. VIII: On the Obedience due to the Sovereign and Insubordination.

Target: Citizens of the Kingdom of Cyrene.

Being the King the highest political, administrative, military and diplomatic office of the Kingdom and being entitled to govern by the people and by the grace of Teos, to the King is due absolute obedience.
1) If the King assigns an order to any citizen or to a plurality of them, (as to join the war, work towards the construction of buildings, procurement of materials etc. etc.), no one can be free from obey.
2) In the case someone doesn’t obey, the person in question must give adequate justification to the Sovereign, if he won’t, he will be accused of Lese-Majesty. In the event that a Noble, a Royal Appointed or an Officer of the Royal Government to incur such violation will be considered High Treason.

The lese-Majesty is a Capital Offence.
The high treason is a Capital Offence.

Constitutes an act of insubordination to commit any act of insult, threat, disobedience to a superior (as a guard against the Captain etc etc).

Insubordination is a Capital Offence.

Art. IX: Of the non-payment of loans.

Target: Everyone.

Anyone who pays a sum of money and does not see it returned within the times and manners agreed between the parties, may appeal to the Magistrate asking to initiate a process exhibiting appropriate evidence that could prove the contract between the parties and the possible infraction.

The non-payment of a loan is a Severe Crime.

Art. X: Of the Betrayal and the High Treason.

Target: Everyone.

An act of treason is any action committed by any citizen inside the Kingdom of Cyrene, resident or not, against the institutions of the same. Also incurs in the crime of treason any citizen who reveals, with or without intent to harm, information of a political, military or economic nature, that could caouse damage to the Kingdom.
If this offense is committed by anyone with a noble, religious or administrative title, will be considered high treason.

The Betrayal and the High Treason are Capital Offences.

Art. XI: On the rebellion and its incitement.

Target: Everyone.

Constitutes an act of incitement to rebellion every public or private appeal place to organize or encourage a group of people intending to overthrow by force the power of the King.
Constitutes an act of rebellion every illegitimate use of force to overthrow the power of the King.

The incitement to rebellion and rebellion are Capital Offences.

Art. XII: On the Residence Transfer.

Target: Foreign Citizens.

It is absolutely forbidden to take citizenship in the territories of the Kingdom of Cyrene without permission of the King.

The lack of the request and of the prior authorization and the arbitrary transfer in the Cyrenaic lands, will be considered Severe Crime. If the transfer is operated by an organized multitude, will be considered as Capital Offence.

Art. XIII: Of the attack to the Kingdom

Target: Everyone.

Anyone, citizen or not, order, organizes, finances, participates or supports in any way war actions against the Kingdom will be accused of high treason.

The High Treason is a Capital Offence.

Art. XIV: On the Border Closing.

Target: Foreign Citizens.

Anyone, in the presence of a decree that close the borders, crossed the boundaries without permission of the King, will have 12 hours to clarify its presence at the expiration of which will be considered and treated as an Enemy of the Kingdom.

Violate the boundaries is a Capital Offence.

Art. XV: Of the destruction of buildings.

Target: Everyone.

It is forbidden to damage buildings within the Kingdom of Cyrene without the authorization of the King.

Damaging administrative, private or religious buildings is considered Capital Offence.

Art. XVI: The public decency.

Target: Everyone.

Everyone within the Kingdom of Cyrene, citizen or not, should wear clothes.

Nudity is considered Administrative Offence.

Everyone within the Kingdom of Cyrene, citizen or not, must maintain a behavior and a language appropriate to the time in which we live.

Actions or behaviors anachronistic not properly marked (by tag: OFF) will be considered Administrative Offences.


Derne, 01 December 1314

H. M. King Ugone D'aquino




Quote from: Italiano
Tutti gli articoli e le leggi contenute in questo codice entreranno in vigore il 4 dicembre 1314 alle ore 17 ed hanno durata illimitata.
Con l’entrata in vigore di questo Codice ogni altra legge del Regno viene abrogata, ad eccezione delle Leges Victoriae che rimangono parte integrante delle leggi del Regno.

Art. I: Della gravità dei reati.    

Ogni azione che violi la legge del Regno di Cirenaica può assumere diversi livelli di gravità.
I reati sono classificati in:
- Infrazioni Amministrative,
- Reati Minori,
- Reati Gravi,
- Infrazioni Capitali.
a) Infrazioni Amministrative: ammenda fino a 100 monete di argento.
b) Reati Minori: fino ad un giorno di prigione e ammenda fino a 200 monete di argento.
c) Reati Gravi: fino a due giorni di prigione e ammenda fino a 400 monete di argento.
d) Infrazioni Capitali: fino a tre giorni di prigione e ammenda fino a 1000 monete di argento.
e) Come pene accessorie il Magistrato può comminare il risarcimento del danno e/o l’esilio del condannato.
f) Il Capitano della Guardia ha facoltà di confiscare merci e beni presenti sui mercati cirenei appartenenti al condannato che non vuole o non può pagare la sanzione o risarcire il danno. Altresì ha facoltà di confiscare le merci presenti di coloro che sono assenti da più di 5 giorni e non in meditazione. In caso di ritorno la merce sarà loro restituita immediatamente.
g) Il condannato che subirà la pena dell’esilio verrà iscritto nell’elenco dei nemici del Regno e avrà 12 ore di tempo per oltrepassarne i confini. Altrimenti verranno applicate le regole stabilite dalle Leges Victoriae al paragrafo “Dei Nemici del Regno”. In aggiunta il condannato avrà l’obbligo di cambiare la sua residenza. Qualora il condannato, mantenendo la cittadinanza cirenea, si rifugiasse presso i confini di altri Regni, sarà premura del Magistrato locale prendere contatto con le Autorità del Regno presso il quale il condannato cercherà rifugio, sicché si possa avviare collaborazione giuridica.
h) Ogni processo (o accusa) pendente verso un qualsiasi imputato è da ritenersi immediatamente estinto nel caso il Sovrano di Cirenaica si pronunciasse in favore di esso.
i) Il Magistrato ha facoltà di aumentare le pene stabilite per un dato crimine nei casi descritti all’art. III.
l) Per coloro che hanno fino a 90 giorni di età l’ammenda verrà dimezzata.

Art. II. Del Processo

Qualsiasi cittadino sia testimone della violazione di una qualunque legge in vigore o che sia vittima di attività criminale o ancora, ritenga di aver subito trattamento iniquo potrà rivolgersi al Magistrato presentando tutti i fatti e le prove del reato. Se le prove fornite saranno ritenute valide, il Magistrato avvierà un processo ai danni dell'accusato.

Art. III: Delle aggravanti e della recidiva.

Rivolto a: Tutti.

Ogni reato commesso può subire un inasprimento della pena inflitta. Sarà contemplato l'aggravante qualora l’imputato adotti i seguenti comportamenti:
- Rifiutarsi di collaborare con il Magistrato e con chi rappresenta la Giustizia all'interno del Regno in generale;
- Mancare di presentarsi ad un processo dopo regolare convocazione da parte del Magistrato;
- Durante il processo rifiutarsi di rispondere alle domande del Magistrato;
- Falsificare prove o fornire dichiarazioni mendaci;
- Essere recidivo per lo stesso reato (commettere più volte lo stesso crimine).

Il rifiutarsi di collaborare con il Magistrato è considerata una Infrazione Amministrativa;
Il rifiutarsi di rispondere alle domande del Magistrato e il non presentarsi al processo sono Reati Minori;
La falsificazione di prove o le dichiarazioni mendaci atte ad impedire il normale svolgimento del processo o le indagini è un Reato Grave .
L'essere condannati una seconda volta per lo stesso reato, rappresenta un atto di recidiva, per questo, qualunque sia il reato commesso, rappresenterà un reato grave. Qualora si fosse condannati una terza volta per il medesimo crimine, sarà considerata Infrazione Capitale.

Art. IV: Della Frode, della Speculazione e della Manipolazione dell’economia

Rivolto a: Tutti.

a) Costituisce un atto di frode circuire acquirenti inesperti a fini di lucro vendendo loro merci, falsandone l’uso o il valore.
b) Costituisce un atto di speculazione l’aver acquistato beni al mercato cittadino per poi rivenderli, a prezzo maggiorato, sullo stesso mercato. Invece, le speculazioni destinate a generare un rialzo generalizzato del prezzo di una -o più- merci al fine di produrre un danno all'intero Regno, saranno considerati reati di Manipolazione dell’economia.
c) Costituiscono atti di manipolazione dell'economia lo sfruttamento di singoli cittadini da parte di terzi atto a sottrarre forza lavoro al Regno in presenza di attività di pubblica utilità, come l'edificazione di strutture, la raccolta materie prime ecc ecc.

Il reato di Frode è un Reato Minore , se commesso da un gruppo organizzato, diventa un Reato Grave .
Il reato di Speculazione è un Reato Grave.
Il reato di Manipolazione dell’economia è un’Infrazione Capitale.

Art. V: Del possesso di armi e del loro utilizzo.

Rivolto a: Tutti.

All'interno del Regno di Cirenaica, al fine di garantire la sicurezza, è espressamente proibito ai residenti ed ai non residenti, in tempo di pace, indossare/impugnare armamenti di qualunque tipo. Pertanto, chiunque sarà sorpreso, all'interno di una qualunque delle regioni che compongono il Regno di Cirenaica, ad indossare/impugnare armi/armature, incorrerà nel crimine di cui sopra. Sono esentati da questo obbligo il Conestabile del Regno, i Capitani della Guardia delle province cirenee ed i nobili cirenei che indossino armi e armature come distintivo del loro rango.
Qualora il Regno fosse sotto assedio o fosse in pericolo di razzia, qualunque cittadino reputato aver i requisiti necessari per difendere il Sovrano, il Regno, la sua gente, i propri averi, sarà considerato facente parte dell’Esercito Reale. Sarà quindi concesso loro impugnare e indossare armamentari. Gli armamenti verranno forniti loro dal Regno e dovranno esser riconsegnati presso la Caserma al termine degli scontri in accordo con il Capitano della Guardia.

Aggirarsi per il Regno di Cirenaica indossando/impugnando armi in tempo di pace, è considerato un Reato Grave .
Non riconsegnare gli equipaggiamenti entro il termine stabilito, è un Reato Grave .

Art. VI: Dello sfruttamento illecito delle risorse, dell'appropriazione indebita e del furto.

Rivolto a: Tutti.

Costituisce un atto di sfruttamento illecito delle risorse del Regno ogni uso di beni appartenenti al Regno (ad eccezione degli allevamenti) non autorizzato dal Sovrano o dal Vassallo competente perpetrato da un cittadino cireneo.
Costituisce un atto di appropriazione indebita l'acquisto di merci destinate a terzi messe in vendita al prezzo di 0,00. Qualora sia un non residente ad effettuare l'acquisto il reato verrà considerato furto.
Costituisce un atto di furto ogni azione perpetrata dai non residenti atta a sottrarre risorse senza previa concessione del Sovrano o l'accaparrarsi di merci che possa causare un danno all’economia del Regno. Chi si dovesse macchiare di tale reato, ha tempo 24 ore dall'accertamento della notifica del reato per provvedere a restituire al diretto interessato (sia esso un privato o il Regno) o tramite un'Autorità competente (Re, Vassallo della regione interessata, Capitano della Guardia) la merce presa senza autorizzazione.

Lo sfruttamento illecito delle risorse del Regno è un Reato Minore.
L'appropriazione indebita è un Reato Minore.
Il furto è una Infrazione Capitale.

Art. VII: Dell'insulto, della diffamazione, della minaccia e della lesa Maestà.

Rivolto a: Tutti.

Si considera come atto di insulto e/o di diffamazione ogni asserzione proferita, anche per interposta persona, atta ad arrecare onta infangando l’onore di un qualunque cittadino del Regno di Cirenaica.

Gli atti di Insulto e/o Diffamazione e/o Minaccia sono dei Reati Minori.

Se tali atti vengono compiuti verso:
- Autorità di Governo (chiunque ricopra un ruolo ) 
- Autorità Religiose
- Chiunque abbia un incarico reale
- Titolati Nobiliari
il reato sarà considerato Lesa Maestà, pertanto sarà ritenuto essere Infrazione Capitale.

Altresì, costituisce atto di lesa Maestà ignorare volutamente le missive inviate dal Sovrano.

Art. VIII: Dell’obbedienza dovuta al Sovrano e dell'insubordinazione.

Rivolto a: Cittadini del Regno di Cirenaica.

Essendo il Re la massima carica politica, amministrativa, militare e diplomatica del Regno ed essendo Egli legittimato a governare dal popolo e per la grazia di Teos, al Sovrano è dovuta assoluta obbedienza.
1)Qualora il Re impartisse un ordine ad un qualsiasi cittadino o ad una pluralità di essi, (come ordinare di unirsi ad eventi bellici, adoperarsi per l'edificazione di strutture, l'approvvigionamento di materiali ecc ecc.), nessuno potrà esimersi dall’obbedire.
2) Nel caso contemplato di mancata obbedienza, il soggetto in questione dovrà produrre adeguata giustificazione al Sovrano in mancanza della quale si incorrerà nel crimine di Lesa Maestà. In presenza di recidività si procederà come da legge in vigore. Nel caso in cui sia un Nobile, un Incaricato Reale o un funzionario di Governo ad incorrere in tale violazione, sarà considerato Alto Tradimento.

La lesa Maestà è una Infrazione Capitale
L'alto tradimento è una Infrazione Capitale

Costituisce un atto di insubordinazione commettere ogni atto di ingiuria, di minaccia, di disobbedienza verso un proprio superiore (come una guardia nei confronti del Capitano ecc ecc).

L'insubordinazione è una Infrazione Capitale.

Art. IX: Del mancato pagamento dei prestiti.

Rivolto a: Tutti.

Chiunque presti una somma di denaro e non se la veda restituita nei tempi e nei modi concordati fra le parti, potrà appellarsi al Magistrato chiedendo di avviare regolare processo esibendo prove che attestino, in forma scritta, il contratto stipulato tra le parti e l'eventuale violazione dello stesso.

Il mancato pagamento di un prestito è un Reato Grave .

Art. X: Del tradimento e dell'Alto Tradimento.

Rivolto a: Tutti.

Costituisce atto di tradimento ogni azione commessa da parte di un qualunque cittadino presente all'interno del Regno di Cirenaica, residente o meno, contro le istituzioni dello stesso. Incorre parimenti nel reato di tradimento qualunque cittadino che diffonda, con o senza intenzione di nuocere, informazioni di natura politica, militare o economica tali da poter cagionare danno al Regno.
Se tale reato viene commesso da chiunque possieda un titolo nobiliare, religioso e/o amministrativo, sarà considerato Alto Tradimento.

Il Tradimento e l’Alto Tradimento sono Infrazioni Capitali.

Art. XI: Della ribellione e del suo incitamento.

Rivolto a: Tutti.

Costituisce un atto di incitamento alla ribellione ogni appello pubblico o privato atto ad organizzare o spronare un gruppo di persone intenzionate a rovesciare con la forza il potere del Sovrano.
Costituisce un atto di ribellione ogni utilizzo illegittimo della forza per rovesciare il potere del Sovrano.

L’incitazione alla ribellione e la ribellione sono Infrazioni Capitali.

Art. XII: Del trasferimento di residenza.

Rivolto a: Cittadini Stranieri.

E’ fatto assoluto divieto di prendere cittadinanza nei territori del Regno di Cirenaica senza previa autorizzazione del Sovrano.

La mancata e preventiva richiesta di autorizzazione e l’arbitrario trasferimento nelle terre cirenee, saranno considerati Reato Grave. Se il trasferimento è operato da una moltitudine organizzata, sarà considerato una Infrazione Capitale.

Art. XIII: Delle aggressioni al Regno

Rivolto a: Tutti.

Chiunque ordina, organizza, finanzia, partecipa o sostiene con ogni mezzo azioni bellicose contro il Regno, che ne sia o meno cittadino, sarà accusato di Alto Tradimento.

L’alto Tradimento è una Infrazione Capitale.

Art. XIV: Della chiusura delle frontiere

Rivolto a: Cittadini Stranieri.

Chiunque, in presenza di un decreto di chiusura delle frontiere, varcasse i confini senza previa autorizzazione del Sovrano, avrà 12 ore di tempo per chiarire la sua presenza allo scadere delle quali sarà considerato e trattato come nemico del Regno.

Violare i confini è una Infrazione Capitale.

Art. XV: Della distruzione degli edifici.

Rivolto a: Tutti.

È fatto divieto di danneggiare edifici all’interno del Regno di Cirenaica senza l’autorizzazione del Sovrano.

Il danneggiamento di edifici che siano amministrativi, privati o religiosi è considerato Infrazione Capitale.

Art. XVI: Della pubblica decenza.

Rivolto a: Tutti.

Tutti i presenti all’interno del Regno di Cirenaica, che siano cittadini o meno, devono indossare vestiti.

La nudità è considerata Infrazione Amministrativa.

Tutti i presenti all’interno del Regno di Cirenaica, che siano cittadini o meno, devono mantenere un comportamento ed un linguaggio consono all’epoca in cui viviamo.

Interventi o comportamenti anacronistici non debitamente segnalati (dal tag: OFF) saranno considerati Infrazioni Amministrative.


Derne, 1 dicembre 1314

S.M. Re Ugone D'aquino
Ugone D'aquino
Marquis of Barca

(RIP) Ugone D'aquino

  • General group
  • Jr. Member
  • *
  • Posts: 80
  • Honour: 0
Re: Communications to the Kingdom/Comunicazioni al Regno
« Reply #2 on: 09 January, 2015, 05:17:26 PM »
Quote
By our will we decree the creation of the Royal Council, to which will have the right to access, voice and vote:
- Vassals of the regions of the Kingdom
- Constable
- Chancellor
- Seneschal
- Chamberlain
- Treasurer
- Ambassadors

Besides them, the Sovereign can invite someone else if it seems necessary and appropriate to him.

This first Royal Council is formed by:

Alexios Doukas
Gilda Merisi
Geneva Merisi
Morgana D'aquino
Beatrice D'aquino
Screzio D'aquino

Each citizen of Cyrene can ask anyone of them to bring a proposal to the Council.

The members of the Royal Council are obliged to keep the secret of what is discussed in the halls of the Council, if not authorized by the King, otherwise they will be accused of high treason, according to the laws of the Kingdom.

Derne, January 9th A.D. 1315



Quote
Per nostra volontà decretiamo la nascita del Consiglio Reale, nel quale avranno diritto di accesso, di parola e di voto:
- i Vassalli delle Regioni del Regno
- il Conestabile
- il Cancelliere
- il Siniscalco
- il Ciambellano
- il Tesoriere
- gli Ambasciatori

Oltre a costoro il Sovrano può invitare altre persone se lo ritiene necessario ed opportuno.

Questo primo Consiglio Reale è formato da:

Alexios Doukas
Gilda Merisi
Ginevra Merisi
Morgana D'aquino
Beatrice D'aquino
Screzio D'aquino

Ogni cittadino cireneo può chiedere a chiunque di loro di portare una sua proposta all’attenzione del Consiglio.

I membri del Consiglio Reale hanno l'obbligo di mantenere il segreto su ciò di cui si discute nelle sale del Consiglio, a meno di autorizzazione da parte del Re, pena accusa di Alto Tradimento, secondo le leggi del Regno.

Derne, 09 gennaio A.D. 1315

Ugone D'aquino
Marquis of Barca

(RIP) Ugone D'aquino

  • General group
  • Jr. Member
  • *
  • Posts: 80
  • Honour: 0
Re: Communications to the Kingdom/Comunicazioni al Regno
« Reply #3 on: 23 January, 2015, 09:32:33 AM »
Quote

We, Ugone D'aquino, for will of Teos and of the people, King of Cyrene, for the good of the Kingdom and its citizens, after having consulted the Royal Council,

appoint

Her Highness Morgana D'aquino

Ambassador
for the following Kingdoms:
Kingdom of Aragona     
Kingdom of Portugal
Kingdom of Granada
Kingdom of Castiglia and Leon
Kingdom of Aquitaine
Kingdom of France
Kingdom of Savoy
Kingdom of Normandy

Her Excellency Gilda Merisi

Ambassador
for the following Kingdoms:
Kingdom of Siena
Kingdom of Venice   
Kingdom of Florence
Kingdom of Rome
Kingdom of Sardinia
Kingdom of Genoa
Kingdom of Milan
Kingdom of Ferrara
Kingdom of Naples
Kingdom of Urbino
Kingdom of Sicily
Kingdom of Denmark
Kingdom of Flanders

His Excellency Screzio D’aquino

Ambassador
for the following Kingdoms:
Kingdom of England     
Kingdom of Scotland     
Kingdom of Ireland
Kingdom of Galles

His Excellency Isidoros Laskaris

Ambassador
for the following Kingdoms:
Kingdom of Austria         
Kingdom of Bavaria
Kingdom of Bohemia
Byzantine Empire
Kingdom of Mamluk   
Ottoman Empire
Kingdom of Seleucid
Kingdom of Jerusalem

By myself I will manage the relationships with the following Kingdoms:
Kingdom of Walachia         
Kingdom of Serbia     
Tsardom of Bulgaria
Kingdom of Poland
Kingdom of Prussia
Kingdom of Albania
Kingdom of Lituania   
Kingdom of Hungary
Grand Principality of Kiev
Kingdom of Saxony

We grant them the authority to represent the Kingdom of Cyrene among the Kingdoms assigned to them.
They will be our voice and our will.

Done in Derne, the 23rd day of January , Anno Domini 1315


Ugone D'aquino
Marquis of Barca